Aneddoti & Curiosità

Il Sior Rioba alla Madonna dell' Orto a Venezia

Misteri & Leggende
Sior_Roba

Il Sior Rioba alla Madonna dell' Orto a Venezia

Vicino alla chiesa della Madonna dell'Orto nel sestiere di Cannaregio a Venezia c'è un piccolo campo, il Campo dei Mori, in cui ci sono delle curiose statue di pietra, vestite con costumi orientali.

La leggenda racconta che gli antichi abitanti del vicino palazzo Mastelli (originari della Morea in Grecia e quindi chiamati ‘Mori'), fossero degli spietati banchieri che avevano truffato una nobildonna veneziana. La donna, per ottenere giustizia, pregò Santa Maria Maddalena di scagliare una maledizione contro di loro. I tre truffatori furono così trasformati in pietra, per ricordare a chiunque passasse da lì che la giustizia divina colpiva sempre i peccatori.

In realtà si tratta di tre statue con pezzi di sculture di differenti epoche assemblate durante il ‘300, tanto che i basamenti sono are di epoca romana.

La statua d'angolo, detta ‘Sior Rioba', è molto famosa perché, come la statua del Pasquino a Roma, veniva usata per attaccarvi poesie e testi satirici di protesta contro la politica o i personaggi in vista della società veneziana.

Nell'Ottocento il ‘Sior Rioba' perse il naso e gli fu rifatto con un pezzo di ferro improvvisato. Nacque la leggenda che sfregandolo si avrebbe avuto fortuna. Nella notte tra il 30 aprile e il 1 maggio 2010 il Sior Rioba venne decapitato e subito si mobilitarono forze dell'ordine e comuni cittadini. Per fortuna la testa venne ritrovata in Calle della Racchetta il 3 maggio e la statua venne prontamente restaurata.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi