Aneddoti & Curiosità

Il teatro Anatomico dell’Università di Padova

Opere e luoghi poco noti
teatro-anatomico-padova

Il teatro Anatomico dell’Università di Padova

L’università di Padova, fondata nel 1222, è uno dei simboli più importanti della cultura in Italia… Al suo interno, i luoghi da scoprire sono tantissimi!

Tra i più suggestivi c’è sicuramente il Teatro Anatomico che si trova nell’antico Palazzo del Bo.

Voluto dall’anatomista e chirurgo Girolamo Fabrici d’Acquapendente nel 1594 e completato nel 1595, rappresenta il primo esempio al mondo di struttura permanente creata per l’insegnamento dell’anatomia attraverso la dissezione di cadaveri. Realizzato secondo i canoni stilistici del Rinascimento, il teatro non ha subito alcuna modifica nel tempo… Ciò significa che ancora oggi è possibile ammirare la struttura originaria del XVI secolo!

Contrariamente a quanto si crede, la pratica della dissezione dei cadaveri non era vietata dalle autorità ecclesiastiche, tant’è che, all’ingresso del teatro anatomico, è ancora visibile l’iscrizione in latino ‘Hic est locus ubi mors gaudet succurrere vitam’, ossia ‘è questo il luogo dove la morte è lieta di soccorrere la vita’.

I corpi per le autopsie venivano consegnati all’Università dalle autorità giudiziarie: si trattava spesso, ma non esclusivamente, di persone giustiziate. Affinché le lezioni potessero svolgersi regolarmente, venivano nominati i cosiddetti ‘massari’ che avevano il compito di procurare i cadaveri necessari. Quando le esecuzioni capitali divennero rare, il Teatro Anatomico cessò di funzionare.

E’ possibile visitare il teatro anatomico, partecipando ad un tour guidato del Palazzo del Bo, sede storica dell’università di Padova, o prenotando il nostro tour privato di Padova con accesso al Teatro Anatomico!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi