Aneddoti & Curiosità

Il teatro anatomico di Venezia in campo San Giacomo dell'Orio

Opere e luoghi poco noti
teatro_anatomico

Il teatro anatomico di Venezia in campo San Giacomo dell'Orio

Nel sestiere di Santa Croce a Venezia, nel tranquillo campo San Giacomo dell'Orio, vi sono le tracce dell'antico teatro anatomico...

Il palazzo originario fu distrutto da un incendio nel 1800, ma ne rimangono i due portali seicenteschi e, sopra il portone centrale, l'iscrizione D.O.M. MEDICORUM PHYSICORUM COLLEGIUM (collegio dei medici fisici).

Oggi il palazzo ospita appartamenti privati, ma l'edificio un tempo conteneva una grande sala con tre ordini di gradinate ellittiche per assistere alle dissezioni dei cadaveri, mentre al piano superiore vi erano una ricca biblioteca, un archivio e una sala per le riunioni dei medici.

Fin dal 1368 a Venezia si promulgarono leggi per lo studio dei cadaveri, ma veniva fatto sempre nei pressi di luoghi sacri, per confermare che il medico aveva sempre bisogno dell'aiuto di Dio per operare.

Questo teatro anatomico fu inaugurato nel 1671, grazie al lascito del patrizio Lorenzo Loredan e dal 1760 ospitò anche la Scuola di Ostetricia, molto importante perché a Venezia per essere levatrici bisognava saper leggere, aver assistito per 2 anni alle dimostrazioni nel Teatro anatomico, aver fatto pratica con una levatrice più anziana e superare una specie di esame finale.

Se vuoi conoscere Venezia da un'inedita prospettiva, Francesca, guida turistica autorizzata e redattrice di questa affascinante rubrica, sarà felice di accompagnarti alla scoperta di luoghi poco conosciuti, spesso protagonisti di leggende ed oscuri misteri… Richiedi subito la sua disponibilità ed organizza con lei il tuo itinerario di visita personalizzato a Venezia!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi