Aneddoti & Curiosità

Il tempio Canoviano a Possagno

Presenze illustri
Tempio-Canova-Possagno

Il tempio Canoviano a Possagno

Possagno è un piccolo comune in provincia di Treviso famoso in tutto il mondo per aver dato i natali a uno dei più grandi scultori di tutti i tempi, Antonio Canova.

Nonostante la sua fama internazionale e il fatto che si fosse trasferito a Roma, Canova rimase sempre molto legato al suo paesino d’origine.

All’inizio dell’Ottocento, la vecchia parrocchiale di Possagno necessitava di urgenti restauri… Canova era stato più volte invitato dalla comunità a finanziare le spese dei lavori e così, già prima del 1812, aveva presentato un progetto per ricostruire la chiesa.

I capifamiglia, tuttavia, furono riluttanti a sostenere gli ingenti costi del nuovo edificio per cui, nel 1818, Canova decise di ricostruire la chiesa di Possagno completamente a sue spese. La sua idea era quella di realizzare un grandioso edificio circolare dotato di pronao, richiamo al Pantheon di Roma, ma con colonne doriche, come il Partenone di Atene.

L’11 luglio di quell’anno i possagnesi in festa accolsero il compaesano per la posa della prima pietra.

Il Canova non riuscì mai a vedere la sua opera conclusa poiché morì il 13 ottobre 1822. In base al suo testamento, i lavori furono affidati al fratellastro Giovanni Battista Sartori e, negli anni successivi, il progetto originario subì qualche modifica, anche per far posto al gruppo della Pietà e alla tomba dell’artista.

Finalmente, nel 1830, il tempio venne concluso e il 7 maggio 1832 venne solennemente consacrato dallo stesso Sartori, nel frattempo divenuto vescovo. L’intitolazione alla Trinità non è casuale, ma fa riferimento alla pala dell’altare maggiore dipinta dallo stesso Canova per la vecchia parrocchiale.

La splendida cittadina di Possagno è una delle tappe del nostro tour privato nella marca trevigiana da Venezia… Prenota online la tua escursione e visita la città del grande Antonio Canova con comodi trasferimenti privati da/per Venezia!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi