Aneddoti & Curiosità

Jheronimus Bosch a Venezia e la Santa barbuta

Presenze illustri
bosch-venezia

Jheronimus Bosch a Venezia e la Santa barbuta

Fino al 4 giugno 2017 Palazzo Ducale ospita una grande mostra su Jheronimus Bosch a Venezia.

Il percorso espositivo inizia con tre dipinti del maestro fiammingo che entrarono nelle collezioni di un nobile veneziano, il cardinale Domenico Grimani, poco dopo la morte del pittore, avvenuta nel 1515. Nel suo testamento il cardinale lasciò le due collezioni di scultura antica e di pittura alla Repubblica e così i tre dipinti, tanto lontani dalla pittura veneziana per la presenza di mostri e immagini oniriche, furono a lungo esposti a Palazzo Ducale.

Uno di essi, la Santa crocifissa, per molto tempo ha creato problemi agli studiosi riguardo la sua identificazione. Alla fine si è scoperto che si tratta di una santa martire venerata nella zona del fiume Reno e delle Fiandre, ma sconosciuta in Italia: santa Ontcommernis. Il suo riconoscimento è stato possibile grazie ad un elemento importantissimo: la santa ha la barba!

Secondo la leggenda, questa Vergine, convertita al Cristianesimo, era figlia di un re pagano e promessa sposa ad un principe. Per evitare il matrimonio Dio le fece crescere miracolosamente la barba, ma il padre, contrariato dal rifiuto della fanciulla, la fece crocifiggere.

Acquistando il biglietto d’ingresso a Palazzo Ducale – un biglietto cumulativo che include anche l’accesso al Museo Correr, al Museo Archeologico e alle Sale Monumentali della Biblioteca Marciana – potrete visitare la mostra acquistando in loco uno speciale biglietto ridotto al costo di € 2,00!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi