Aneddoti & Curiosità

La cappella di San Giovanni Elemosinario nella chiesa di San Giovanni in Bragora

Opere e luoghi poco noti
giovanni-elemosinario

La cappella di San Giovanni Elemosinario nella chiesa di San Giovanni in Bragora

A Venezia c’è una chiesa dedicata a san Giovanni Elemosinario… Ma il suo corpo si trova da un’altra parte!

San Giovanni Elemosinario nacque nell’isola di Cipro nel 556; dopo essere rimasto vedovo e solo, dedicò la sua vita ai poveri, tanto che la sua fama si diffuse in tutto l’Oriente.

Dal 609 al 619 resse il Patriarcato greco-ortodosso di Alessandria con il nome di Giovanni V; fu sempre dedito alla carità, promuovendo la costruzione di ospizi per i poveri, ospedali, orfanotrofi, chiese e scuole, sia a Cipro che in Egitto. Morì a Cipro nel 617.

Nel 1249 Lorenzo Bragadin, generale della flotta veneta, portò a Venezia il corpo del santo. Nella zona di Rialto esisteva già una chiesa a lui intitolata, che a buon diritto avrebbe dovuto ospitare la reliquia... Che invece rimase nella chiesa della Bragora. Il fatto venne interpretato come volontà del cielo: a questo alludono i racconti devoti sui ripetuti eventi miracolosi che, secondo la tradizione, avrebbero impedito il trasporto del corpo a Rialto.

La cappella che oggi ospita le reliquie fu costruita alla fine del ‘400, ma l’apparato decorativo dell’epoca, del quale rimane solo il frontone ligneo dell’urna con l’immagine in rilievo del Santo, è andato perduto durante i rifacimenti del 1743. Adesso la cappella ha una tipica decorazione rococò su progetto di Giorgio Massari e dipinti di Jacopo Marieschi.

La chiesa di San Giovanni in Bragora si trova nel sestiere di Castello, a pochi passi dalle fermate del vaporetto Arsenale e Pietà.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi