Aneddoti & Curiosità

La casa del cammello nel Sestiere di Cannaregio

Curiosità storiche
palazzo-mastelli

La casa del cammello nel Sestiere di Cannaregio

Se fate un giro nel Sestiere di Cannaregio potreste imbattervi in un cammello, ovviamente non in un cammello in carne ed ossa, ma raffigurato in un particolare bassorilievo posto sulla facciata di Palazzo Mastelli o meglio conosciuto appunto, come la ‘caxa del camélo’ (casa del cammello). La singolare rappresentazione - un uomo che trascina un cammello – sembra aver origine da una storia d’amore tanto romantica quanto improbabile…

La leggenda racconta che un ricco mercante orientale, costretto a lasciare la sua patria alla volta di Venezia, abbia fatto scolpire sulla facciata della sua nuova residenza un cammello per renderla riconoscibile alla sua amata che non aveva accettato di partire con lui come sposa. Qualora avesse deciso di raggiugerlo, in questo modo, lo avrebbe trovato facilmente. Non si sa se la promessa sposa si sia mai presentata sotto la casa del ricco mercante, ma una cosa è certa: il palazzo in realtà, venne costruito dalla famiglia Mastelli intoro al 1100. I Mastelli erano tre fratelli, Rioba, Sandi ed Afani, commercianti di sete e spezie, che giunsero dalla Morea a Venezia per far affari e pare che la loro insegna fosse proprio il cammello.

Esiste un’altra leggenda, più recente, che vede protagonista il palazzo Mastelli: nel lontano 1757 si credeva che l’edificio fosse infestato da fantasmi burloni che, ogni giorno alla stessa ora, facessero suonare contemporaneamente tutti i campanelli della casa. Man mano che il tempo passava, a questo strano fenomeno se ne aggiunsero altri e con maggior frequenza: rumori di passi d’uomo, finestre chiuse che si aprivano, ombre e specchi infranti … la paura fu tanta che non mancarono svenimenti di donne, strani rituali purificatori e un fuggi fuggi generale degli abitanti del quartiere…

Vi piacciono le leggende di fantasmi e altri misteriosi racconti? Allora non perdete l’occasione di scoprire quali misteri si nascondono tra le mura dei palazzi veneziani! Sul nostro portale potete trovare tour e attività che fanno al caso vostro!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi