Aneddoti & Curiosità

La cella n°10 della prigione dei Pozzi a Palazzo Ducale

Opere e luoghi poco noti
cella-10-palazzo-ducale

La cella n°10 della prigione dei Pozzi a Palazzo Ducale

Negli anni ottanta del ‘900, durante il restauro delle celle delle prigioni sotterranee di Palazzo Ducale, i cosiddetti ‘pozzi’, la cella numero dieci svelò un inaspettato tesoro… Sotto lo strato di calce e sporcizia che ricopriva il soffitto e le pareti vennero rinvenuti dei graffiti, che si rivelarono un complesso pittorico vero e proprio, tracciato da mani esperte: una ‘sacra conversazione’, con la Vergine che tiene in braccio il Bambino, attorniata da San Rocco, San Benedetto e San Sebastiano, e, sulla parete opposta della cella, un Cristo crocefisso sovrastato dalla figura di un angelo.

Dalla ricostruzione dello storico dell’arte Giandomenico Romanelli, nel giugno del 1549, su ordine dell’Inquisizione, venne qui rinchiuso Riccardo Perucolo, ‘frescante’, cioè pittore di affreschi, di Conegliano. I giudici del Sant’Uffizio, agli ordini dell’allora Nunzio vaticano in Venezia monsignor Giovanni Della Casa, autore del celebre Galateo, lo accusavano di eresia luterana.

Il pover’uomo, spaventato dalla tortura e ancor di più dall’orrendo stato di carcerazione nei pozzi, confessò e abiurò, e come atto di buona fede si dichiarò pronto a realizzare un dipinto a parete che raffiguri la Vergine e i Santi, a consolazione dei detenuti ammalati, poichè il Perucolo era a conoscenza che la cella sarebbe stata trasformata in infermeria.

Così il pittore iniziò il lavoro, ma non lo terminò… Rimesso in libertà e condannato a recitare penitenza, per vent’anni finse un’apparente devozione alla Chiesa Romana continuando in realtà il suo apostolato per la Chiesa Riformata. All’inizio del 1568 fu bruciato vivo sul rogo in piazza del Mercato a Conegliano.

I pozzi di Palazzo Ducale sono visitabili solo prenotando uno speciale percorso di visita con accompagnatore qualificato… Su richiesta, tale percorso può essere inserito nella nostra visita guidata privata al Palazzo Ducale di Venezia.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Il Vetro a Venezia: un’Arte ineguagliabile

vetro2
Curiosità storiche

Eccoci tornati all’incredibile storia del vetro. L’ultima volta ci eravamo lasciati con un importante quesito: come arrivò il vetr...

Vedi

Campagna Lupia: Il Casone di Valle Zappa: l’Olanda in laguna

casone_valle_zappa
Opere e luoghi poco noti

Se vi capita di passare per Campagna Lupia, fate una piccola deviazione perché qui si nasconde un piccolo gioiello, un pezzetto di Ola...

Vedi

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

I post più letti

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

Treviso: La chiesa parrocchiale di San Silvestro a Selva del Montello

san-silvestro-montello
Opere e luoghi poco noti

Nella piccola frazione di Selva del Montello, in provincia di Treviso, vi è una chiesa parrocchiale che offre ai suoi visitatori opere...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi