Aneddoti & Curiosità

La Chiesa di San Zan Degolà a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Chiesa_San_Zan_Degola

La Chiesa di San Zan Degolà a Venezia

In un tranquillo angolo di Venezia, lontano dai massicci flussi turistici, si trova l'antichissima chiesa di San Zan Degolà (cioè San Giovanni Decollato, in dialetto veneziano).

L'edificio è uno dei rari esempi di architettura veneto-bizantina che si è conservato abbastanza integro nella sua concezione originaria fino ai giorni nostri. Solo la facciata e il tozzo campanile presentano forme differenti, essendo stati ricostruiti nel Settecento (la torre originaria si trovava grossomodo al centro del campo). L'interno è molto semplice, con copertura a carena di nave rovesciata. Le tre navate sono divise da due file di quattro preziose colonne in marmo greco con capitelli bizantini (XI secolo). Di grandissimo pregio sono inoltre i resti di affreschi - scoperti di recente, raffiguranti le teste di quattro santi (Giovanni, Pietro, Tommaso e Marco) e sant'Elena imperatrice che porta la Croce su uno sfondo di architetture (XI secolo) - ritenuti i più antichi di Venezia…

Per visitarla, bisogna ‘partecipare' ad una messa della comunità russa ortodossa, a cui è stata affidata (basta andare la domenica mattina ed essere discreti!!!)

Alla Chiesa è legata anche una storia lugubre: si racconta che, al suo interno, il 21 novembre 1500 il prete che officiava a San Zan Degolà, prete Francesco, sterminò un'intera famiglia. L'uomo venne condannato a morte il 19 dicembre successivo: prima gli fu tagliata la mano destra davanti alla casa della famiglia uccisa e poi fu giustiziato in Piazza San Marco. I motivi del terribile gesto non furono mai scoperti…

Per conoscere altri inediti luoghi di Venezia, misteri ed affascinanti aneddoti legati alla storia della città, è possibile concordare con Francesca – la brillante guida turistica che cura questa rubrica – un itinerario di visita personalizzato in linea con i vostri interessi e le vostre esigenze!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: The Twin Bottles: l’arte dice NO alla plastica in mare

the_twin_bottles
Lo sapevate che...

Lo sapevate che nel Canal Grande di Venezia, nei pressi di Palazzo Ca' Vendramin Calergi ci sono due immense bottiglie accartocciate ch...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Il Vetro a Venezia: un’Arte ineguagliabile

vetro2
Curiosità storiche

Eccoci tornati all’incredibile storia del vetro. L’ultima volta ci eravamo lasciati con un importante quesito: come arrivò il vetr...

Vedi

Campagna Lupia: Il Casone di Valle Zappa: l’Olanda in laguna

casone_valle_zappa
Opere e luoghi poco noti

Se vi capita di passare per Campagna Lupia, fate una piccola deviazione perché qui si nasconde un piccolo gioiello, un pezzetto di Ola...

Vedi

I post più letti

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi