Aneddoti & Curiosità

La chiesa di Santa Croce degli Armeni a Venezia

Opere e luoghi poco noti
chiesa-di-santa-croce-armeni-venezia

La chiesa di Santa Croce degli Armeni a Venezia

La città di Venezia è sempre stata cosmopolita e molto tollerante nei confronti delle altre confessioni religiose… Non ci si stupisce quindi che, già dal XII secolo, fosse presente una comunità di Armeni.

La comunità si stabilì nella parrocchia di San Zulian (nelle immediate vicinanze di Piazza San Marco) e ricevette in dono dal figlio del Doge Sebastiano Ziani, Marco, un edificio che veniva usato come fondaco per le merci e come abitazione.

Alla fine del XV secolo, su concessione dell’allora papa Leone X, venne costruita la prima piccola chiesa armena intitolata alla Santa Croce di Cristo. A partire dal 1682 la chiesa, di esigue dimensioni ed ormai troppo piccola per accogliere tutti i fedeli, venne ampliata grazie alla donazione di Gregorio di Girach di Mirman; eretta su progetto degli architetti Baldassarre Longhena e Giuseppe Sardi fu consacrata il 29 dicembre 1688.

Mimetizzata nell’agglomerato urbano vicino, non è di immediata individuazione e solo il suo campanile ne segnala la presenza. L’interno è a pianta quadrata e ad un’unica navata, con cupola centrale azzurra (elemento tipico dei luoghi di culto di rito armeno), presbiterio e tre altari, decorata con marmi intarsiati e stucchi policromi.

La chiesa di Santa Croce degli Armeni può essere visitata solo l’ultima domenica di ogni mese durante la messa mattutina. Non perdere l’opportunità di visitare questo affascinante edificio religioso, magari accompagnato da una delle nostre esperte guide turistiche veneziane!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi