Aneddoti & Curiosità

La chiesa parrocchiale di San Silvestro a Selva del Montello

Opere e luoghi poco noti
san-silvestro-montello

La chiesa parrocchiale di San Silvestro a Selva del Montello

Nella piccola frazione di Selva del Montello, in provincia di Treviso, vi è una chiesa parrocchiale che offre ai suoi visitatori opere d’arte di un valore superiore a quello che ci si potrebbe aspettare da un piccolo paesino…

La chiesa ha origini antichissime (VIII-IX secolo), ma l’aspetto attuale si deve al parroco don Giovanni Saccardo, che resse la parrocchia nella prima metà dell’Ottocento.

Durante le soppressioni napoleoniche il parroco riuscì a radunare presso la sua chiesa gli arredi provenienti da altri edifici di culto sconsacrati in vari luoghi della regione: bronzi, argenti, dipinti, vasellame, ma anche altari, acquasantiere, pavimentazioni. Ne risultò una chiesa ricca e fastosa, assolutamente inconsueta per un piccolo paese di campagna.

Per esempio, lungo le pareti, troviamo una Crocifissione del Tintoretto (dalla chiesa dei Santi Cosma e Damiano della Giudecca) e una Madonna col Bambino di Paolo Veneziano (dalla chiesa di Santa Chiara di Murano); l’altare maggiore proviene dalla chiesa di San Secondo in Isola nella laguna di Venezia, mentre il retrostante dossale si trovava nella certosa del Montello; la pala d’altare (San Silvestro battezza l’imperatore Costantino) fu commissionata dalla fabbriceria di Selva a Vincenzo Guarana mentre l’altare è sovrastato da sei grandi teleri con le Storie di Mosè di Gianantonio Guardi. Anche gli altari laterali sono di provenienza veneziana.

Selva del Montello si trova a breve distanza da Treviso… Inserite questo piccolo paesino nel vostro itinerario nella marca e scoprite i tesori della chiesa di San Silvestro!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi