Aneddoti & Curiosità

La cometa di Halley nella Cappella degli Scrovegni

Curiosità storiche
cometa-halley-scrovegni

La cometa di Halley nella Cappella degli Scrovegni

La cappella degli Scrovegni a Padova è sicuramente uno dei luoghi più incredibili dell’arte occidentale! Al suo interno è possibile ammirare i magnifici affreschi che il pittore fiorentino Giotto realizzò all’inizio del XIV secolo, raffiguranti storie della vita della Vergine e di Cristo e il Giudizio Universale in controfacciata.

Nel registro centrale superiore - nella parete destra guardando verso l’altare - troviamo l’Adorazione dei Magi. I Re Magi sono accorsi dal bambino seguendo la stella cometa che si vede in alto: la scena si svolge sotto ad un’impalcatura e i Magi indossano dei calzari rossi, simbolo di regalità.

Il primo re, quello anziano, è già inginocchiato, ha deposto la sua corona a terra e il suo regalo è probabilmente il reliquiario d’oro tenuto dall'angelo a destra; il secondo re, di età matura, porta un corno colmo di incenso; quello più giovane reca in dono una coppa della quale mostra l'unguento di mirra contenuto sollevando il coperchio.

Alcuni dettagli sono legati alla quotidianità del Trecento, come la struttura ‘moderna’ della capanna o la foggia degli abiti, come quello dell'angelo che ha la manica stretta ai polsi e larga ai gomiti.

Per la stella cometa raffigurata in alto – che ha richiamato i re Magi - Giotto avrebbe tratto ispirazione dalla Cometa di Halley, osservata durante il suo passaggio nel cielo nel 1301-1302.

In selezionate date la Cappella degli Scrovegni apre le sue porte anche di sera, per permettere ai visitatori di godere della magia di questo luogo straordinario anche oltre il normale orario di apertura diurno. Controllate la disponibilità per le visite serali alla Cappella degli Scrovegni e prenotate comodamente online il vostro biglietto: i posti sono limitati!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi