Aneddoti & Curiosità

La fabbrica di coriandoli del signor Carnevale a Paese

Tradizioni popolari
fabbrica-cordiandoli-carnevale

La fabbrica di coriandoli del signor Carnevale a Paese

Tutti noi conosciamo i coriandoli, quei pezzettini di carta colorata che vengono lanciati in aria in occasione del carnevale… Vi siete mai chiesti chi li ha inventati?

Nel passato, in particolare nel periodo rinascimentale, durante i festeggiamenti del carnevale era consuetudine lanciare dai balconi o dai carri dei confetti ripieni di coriandolo, la famosa spezia usata in cucina (da qui deriva il termine usato oggi per definirli!). Questi confetti, però, erano alquanto costosi e ben presto vennero sostituiti da piccole palline formate dal seme di coriandolo ricoperto di gesso.

L’invenzione del coriandolo di carta avvenne sul finire del 1800 ad opera di un giovane appena quattordicenne, Ettore Fenderl: nato a Trieste, ma vissuto a Vittorio Veneto dove oggi è sepolto, è diventato un ingegnere e scienziato italiano di fama mondiale. Nel 1957, durante un’intervista alla radio, Ettore rivelò di aver inventato i tradizionali dischetti di carta colorata usati per festeggiare il Carnevale! Nel 1876, non potendosi permettere di comprare confetti o petali di rosa per prendere parte ai festeggiamenti, ritagliò dei triangolini di carta e li lanciò dal balcone sulla folla. Questa semplice ma innovativa idea venne presto imitata da moltissime persone tanto da essere industrializzata e commercializzata in tutto il mondo.

Oggi non esistono più molte fabbriche di coriandoli… Una delle ultime rimaste si trova proprio in Veneto, a Porcellengo di Paese in provincia di Treviso, ed è di proprietà del signor Carnevale… Proprio così, un cognome, un destino!

Il signor Franco Carnevale arrivò in Veneto con l’uniforme di sottufficiale dell’aeronautica militare nel 1961; nel 1982, abbandonata la divisa, cominciò a lavorare per l’azienda Cartotecnica di Fontane, allora era leader nella produzione di coriandoli. In breve tempo iniziò a dedicarsi in prima persona alla realizzazione di questi richiestissimi pezzettini di carta e, insieme ad un amico esperto in meccanica, progettò e costruì macchinari per sminuzzare e mescolare i diversi tipi di carta. Nonostante la veneranda età di settant’anni, ancora oggi il signor Carnevale riempie di coriandoli i carri carnevaleschi italiani ed esporta il suo prodotto in Francia, in Belgio e in Olanda!

Ormai il Carnevale è iniziato! Armatevi di coriandoli e venite e festeggiarlo nella città più magica del mondo: Venezia… Magari partecipando ad uno degli esclusivi eventi in hotel e palazzi del centro storico. Consultate il nostro sito e scegliete la festa che fa per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi