Aneddoti & Curiosità

La gatta del Doge di Venezia Francesco Morosini

Curiosità storiche
morosini

La gatta del Doge di Venezia Francesco Morosini

La città di Venezia è sicuramente un luogo in cui i gatti hanno sempre avuto un ruolo fondamentale, dal momento che erano molto utili per tenere lontani i topi dalle stive delle navi, ma erano molto amati anche come semplici animali da compagnia.

Fra i gatti veneziani celebri va sicuramente ricordata quella che appartenne al grande ammiraglio della flotta veneziana Francesco Morosini (eletto poi Doge nel 1694).

Il grande condottiero, che per le sue grandi imprese in Grecia venne soprannominato ‘il Peloponnesiaco', aveva un carattere decisamente particolare: non si sposò mai (era anzi affetto da una misoginia quasi patologica) e lasciò tutta la sua fortuna ai discendenti dei fratelli, a patto che chiamassero per sempre i loro figli maschi Francesco; il suo unico grande amore fu una gattina, da cui non si separava mai e con cui si fece pure ritrarre. Quando la micetta morì, il Morosini la fece imbalsamare con un topolino fra le zampe…

La teca con il prezioso animale passò attraverso i discendenti del Morosini fino all'800, quando tutte le collezioni del grande ammiraglio furono donate alla città. Al momento, la si può ammirare nelle sale del Museo civico di Storia Naturale.

Recentemente restaurato, il Museo di Storia Naturale di Venezia offre un percorso di visita moderno ed interattivo, in grado di coinvolgere grandi e piccoli… La Galleria dei Cetacei, l'acquario delle tegnùe, scheletri di dinosauri, immagini, riproduzioni e dispositivi multimediali per conoscere e capire l'evoluzione della vita sul nostro pianeta dalla sua comparsa fino ai giorni nostri.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi