Aneddoti & Curiosità

La loggia del mercato del pesce a Rialto

Opere e luoghi poco noti
loggia-mercato-rialto

La loggia del mercato del pesce a Rialto

Una delle tappe obbligate per chi visita la città di Venezia è sicuramente il mercato di Rialto. Si tratta infatti della zona più antica della città e sede del mercato cittadino dal lontano 1097. Qui, un tempo, si poteva comprare ogni tipo di cibo, ma anche merci esotiche, come spezie orientali e tessuti pregiati.

La Pescheria è il cuore pulsante del mercato di Rialto, essendo il pesce alla base della cucina veneziana.

La Loggia che ospita il mercato del pesce di Rialto sembra antica ma in realtà fu costruita nel 1907 in stile neogotico dall'architetto Domenico Rupolo; coloro che vi si recano per comprare il pesce, o solo per dare un occhiata ai banchi variopinti, di solito non prestano particolare attenzione ai capitelli delle colonne che sostengono il perimetro della Pescheria Nuova. Ogni capitello infatti è diverso e scolpito dall'architetto Rupolo su disegno del pittore Cesare Laurenti (il suo nome si legge inciso nel capitello).

Al centro vi sono quattro teste che rappresentano gli autori dell'opera (troviamo infatti anche la firma del Rupolo); in una delle colonne laterali sono scolpite alcune imbarcazioni con grandi ceste chiamate vieri, utilizzate per mantenere il pescato fresco in acqua, negli altri capitelli vi sono diverse creature marine, come granchi, aragoste, pesci, polipi, capesante, bovoli, granchi e cavallucci marini, ma non solo: vediamo infatti emblemi floreali e marinareschi (come la rosa del venti) ma anche simboli esoterici (sole, luna, stelle), tipiche dell'inizio del ‘900, un epoca decisamente simbolista.

La visita al Mercato di Rialto è inclusa nel percorso di due itinerari tematici privati di grande fascino, il Casanova Tour e Venezia Libertina… Motivo? Un tempo la mattina presto, dopo le trasgressive notti del Carnevale, i giovani veneziani erano soliti ritrovarsi fra i banchi del mercato di Rialto...

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi