Aneddoti & Curiosità

La Natività nelle icone del Museo delle Icone a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Icone_Nativita

La Natività nelle icone del Museo delle Icone a Venezia

Le rappresentazioni della Natività nell'arte occidentale sono molto classiche e legate alla tradizione, tutta italiana, del Presepe.

Nel mondo ortodosso invece si trovano elementi totalmente estranei dal nostro immaginario. Possiamo farcene un'idea visitando il museo delle Icone dell'Istituto di studi post-bizantini di Venezia. Qui sono conservati diversi capolavori,  molti dei quali dipinti a Venezia da pittori greci scappati qui dopo l'occupazione turca dopo il 1453.

Qui vediamo una Natività della seconda metà del ‘400, lontanissima dalla nostra arte sia per stile, sia per i dettagli presenti nel quadro. La Madonna nel centro, in una specie di bozzolo, siede accanto al bambino, riscaldato dal bue e l'asinello. A sinistra due pastori che parlano con un angelo, mentre in basso, fuori dalla scena principale, San Giuseppe parla con due viandanti. L'immagine assolutamente estranea al nostro immaginario è in basso a sinistra: due ancelle si occupano del Bambino preparandogli il bagnetto.

Questa scena del bagnetto è tratta dai Vangeli apocrifi, come anche la presenza del bue e l'asinello, che ha invece avuto fortuna nella nostra tradizione.

Se siete interessati a quest'arte così lontana eppure così vicina a Venezia, visitate il Museo delle Icone, aperto ogni giorno dalle 9 alle 17.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi