Aneddoti & Curiosità

La Nuda di Giorgione a Palazzo Grimani

Opere e luoghi poco noti
nuda-giorgione

La Nuda di Giorgione a Palazzo Grimani

Nel fantastico Palazzo Grimani, gioiello del Rinascimento localizzato nel sestiere di Castello a Venezia, è conservato un frammento del famoso affresco ‘Nuda’ di Giorgione.

Un tempo, questo frammento faceva parte di un ciclo di affreschi che decorava la facciata del Fondaco dei Tedeschi sul Canal Grande, accanto al ponte di Rialto.

Nel 1505 il duecentesco edificio del Fondaco dei Tedeschi, sede commerciale della nazione tedesca a Venezia, andò a fuoco. Nei cinque mesi successivi il Senato veneziano approvò un progetto per un edificio più grande e monumentale, che venne edificato entro il 1508; la facciata sul Canal Grande fu affrescata da Giorgione, mentre quella sulla calle dal suo giovane allievo Tiziano Vecellio.

Giorgio Vasari vide gli affreschi nel loro splendore e, pur senza riuscire a decifrarne il significato, li lodò molto per le proporzioni e il colorito ‘vivacissimo’, che li facevano sembrare ‘tratti al segno delle cose vive, e non a imitazione nessuna della maniera’.

Purtroppo, dell’opera di Giorgione, ci rimane solo questa figura femminile, già piuttosto frammentaria nel 1760, quando fu oggetto di un’incisione di Anton Maria Zanetti. Danneggiata dagli agenti atmosferici, dal clima umido e dal salmastro della laguna, nel XIX secolo la ‘Nuda’ venne rimossa e musealizzata.

Rimane ancora avvolta nel mistero l’identità di questa figura; probabilmente rappresenta una divinità o una figura allegorica.

Il Museo di Palazzo Grimani è aperto da martedì a domenica con orario 10.00-19.00; si trova nelle vicinanze di Campo Santa Maria Formosa, facilmente raggiungibile a piedi sia da Rialto che da S. Marco – fermate del vaporetto Rialto o S. Zaccaria.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi