Aneddoti & Curiosità

La peste e la Quarantena a Venezia

Curiosità storiche
La_Peste

La peste e la Quarantena a Venezia

La festa del Redentore a Venezia è sicuramente uno dei momenti più attesi nella vita della città. Il terzo sabato di luglio veneziani, studenti e turisti aspettano i fuochi d'artificio nel bacino di San Marco,  appostati sulle rive o a bordo di colorate imbarcazione allestite ad hoc per la serata.

In realtà, la festa del Redentore ricorda un terribile avvenimento che colpì la città nell'estate del 1575: una terribile epidemia di peste che in due anni provocò 50.000 morti, quasi un veneziano su tre. In quest'occasione, come durante le precedenti epidemie, il governo cercò di arginare il contagio soprattutto con la quarantena.

La prima ebbe origine a Ragusa (Dubrovnik), ma a Venezia le autorità avevano già vietato alle navi sospettate di infezione di entrare nel porto. Le imbarcazioni dovevano quindi fermarsi alla Dogana (oggi sede della collezione Pinaut) oppure,  se considerate pericolose, venivano mandate all'isola del Lazzaretto, dove dovevano aspettare appunto 40 giorni.

Questo periodo di 40 giorni non ha valore dal punto di vista scientifico, ma trae origine dalla credenza diffusa nel mondo antico secondo cui il 40 rappresentava un periodo significativo, soprattutto di preparazione spirituale, purificazione o penitenza. Nella tradizione giudaico-cristiana troviamo vari esempi di tali periodi: il diluvio universale dura 40 giorni e 40 notti, per un periodo analogo Mosè ascolta la parola di Dio sul Sinai, Gesù trascorre 40 giorni nel deserto a digiunare (un evento ricordato nella Quaresima cristiana, periodo di preparazione alla Pasqua) e 40 giorni dopo la risurrezione ascende al cielo.

Sei curioso di sapere in che altri modi i nostri predecessori hanno affrontato le epidemie di peste a Venezia? In questo articolo 'Il Coronavirus non è (per fortuna) la nuova peste di Venezia' scoprirai non solo i più strani metodi di cura del passato, ma anche cosa differenzia l'uomo moderno in lotta contro il Coronavirus e i nostri avi.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Cosa accadde il 16 maggio a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

  Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Boldo (Sant'Ubaldo Vescovo) al Santo era dedicata una Chiesa,...

Vedi

Venezia: Cosa accadde l'1 maggio a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno dei Santi Filipo e Giacomo Apostoli e di Santa Scolastica, di cui esistevan...

Vedi

Venezia: Cosa accadde il 25 aprile a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Marco Evangelista Patrono di Venezia. E' la Prima Festa di San Marco...

Vedi

Venezia: Cosa accadde il 20 aprile a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Vettor (San Vittore).   - 20 aprile 1797: cattura della fregata...

Vedi

I post più letti

Venezia: 10 canzoni che ti faranno pensare a Venezia

canzoni-ve
Lo sapevate che...

Ci sono canzoni di cui basta sentire le prime note per essere subito trasportati con la mente ad un luogo, un ricordo o un sogno. Quest...

Vedi

Padova: Vò Euganeo: un luogo da scoprire

vò
Opere e luoghi poco noti

In questi ultimi mesi si è sentito molto parlare del piccolo comune di Vò, in provincia di Padova, al centro delle attenzioni e preoc...

Vedi

Venezia: 10 film ambientati a Venezia da non perdere

10_film_venezia
Location cinematografiche

Venezia è una città unica al mondo, ogni anno fa sognare milioni di visitatori con il suo fascino intramontabile e le sue ‘calli’...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi