Aneddoti & Curiosità

La pietra rossa del ‘Sotoportego de la peste’

Misteri & Leggende
sotoportego-de-la-peste

La pietra rossa del ‘Sotoportego de la peste’

Camminando per Venezia tra calli, campi e campielli vi potreste imbattere in strane lastre sul selciato… che non vanno assolutamente calpestate! Una di queste si trova nel sotoportego Zorzi, tra Corte Nova e Calle Zorzi, nel Sestiere di Castello: si tratta di una pietra rossa che, se calpestata, porta al mal capitato sfortuna e disgrazie!

Tutto nasce dalla terribile peste nera del 1630 che non risparmiò gli abitanti di nessuna zona della città di Venezia, tranne, miracolosamente, tutti i residenti di Corte Nova che furono protetti, secondo quanto volle da subito il sentimento popolare, proprio da quel particolare sotoportego.

La leggenda narra che una donna di nome Giovanna, che viveva in Corte Nova, ebbe una visione miracolosa della Madonna… Nell’apparizione, la Madonna le disse che, per evitare la peste, gli abitanti del luogo avrebbero dovuto dipingere un quadro rappresentante la sua immagine e quella dei Santi Rocco, Sebastiano e Giustina ed appenderlo alla parete del sotoportego Zorzi. Oltre al quadro suggerito dalla Madonna, di fronte ne esposero anche un altro rappresentante la sola Vergine.

Per poter contagiare gli abitanti di Corte Nova la peste avrebbe quindi dovuto attraversare quel sacro portico… Come aveva predetto la Madonna, però, la sua immagine fermò il morbo che ‘cadde a terra’, tra i grigi lastroni del selciato, proprio nel punto dove ancora oggi compare la pietra rossa che simboleggia la sconfitta della peste! Gli abitanti di Corte Nova rimasero indenni dal terribile contagio che, all’improvviso, si dileguò lasciando finalmente la Serenissima.

Da allora, tutti i veneziani che attraversano il sotoportego si guardano bene dal calpestare questa pietra rossa temendo di portare con sé sfortuna e disgrazie... Che sia religione, fede o superstizione meglio non sfidare la sorte!

Venite a scoprire le tante storie e leggende che si nascondono nei luoghi più magici e misteriosi della città sull’acqua… Sul nostro portale potete trovare tantissime interessanti attività a Venezia: quale sarà la vostra prossima avventura?

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi