Aneddoti & Curiosità

La Sacrestia della chiesa di Santo Stefano

Opere e luoghi poco noti
sacrestia-santo-stefano

La Sacrestia della chiesa di Santo Stefano

In uno dei campi più belli e assolati di Venezia sorge l’imponente chiesa di Santo Stefano, fatta edificare dai monaci Eremitani nel XIII secolo e poi ricostruita nei due secoli successivi.

Questo splendido edificio gotico presenta molti aspetti interessanti, come il soffitto a carena di nave rovesciata, la tomba del grande condottiero e doge Francesco Morosini e il canale che passa sotto l’altar maggiore, ma la parte forse più degna di nota è la Sacrestia, fatta costruire nel 1525 e dedicata all’arcangelo Gabriele.

L’interno della Sacrestia ospita un piccolo museo di tele e opere scultoree del Rinascimento veneziano. Alle pareti laterali troviamo l’Ultima Cena (1579-80), la Resurrezione (1565), Cristo che lava i piedi agli apostoli (1579-80) e l’Orazione nell’orto (1579-80) di Jacopo Tintoretto – provenienti dalla soppressa chiesa di Santa Margherita - e una Sacra Famiglia con Santa Maria Maddalena e Santa Caterina (1528-30) di Bonifacio de’ Pitati. Da segnalare anche i San Nicola di Bari e San Lorenzo (1475) di Bartolomeo Vivarini che affiancano una Crocifissione (1775) di Giuseppe Angeli, sopra il Martirio di Santo Stefano (1638) di Sante Peranda.

Nella controfacciata possono esser ammirate La fuga in Egitto, l'Adorazione dei Magi e la Strage degli Innocenti (1733) di Gaspare Diziani.

Dalla sacrestia si accede a un piccolo chiostro che ospita il museo di sculture della chiesa. Fra queste ricordiamo il busto-rilievo di Giovane santo (1455-1532) di Tullio Lombardo, i Sant’Andrea e San Girolamo (1476-1480) di Pietro Lombardo ed aiuti e la bellissima stele funeraria del Senatore Giovanni Falier di Antonio Canova (1808).

La chiesa di Santo Stefano è aperta solo da lunedì a sabato, dalle 10.30 alle 16.30; si trova a Venezia, in Campo Santo Stefano, a breve distanza dalle fermate dei trasporti pubblici veneziani ‘Accademia’ e ‘S. Angelo’. Se invece siete interessati alle opere del Tintoretto vi consigliamo di dare un occhio alla nostra sezione Tintoretto 500, creata in occasione del cinquecentenario della sua nascita. Qui potrete trovare informazioni, biglietti per mostre ed eventi a lui dedicati ed interessanti visite guidate per scoprire i suoi capolavori custoditi a Venezia.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi