Aneddoti & Curiosità

La sala a fogliami di Palazzo Grimani a Venezia

Opere e luoghi poco noti
palazzo-grimani

La sala a fogliami di Palazzo Grimani a Venezia

Nel cuore del sestiere di Castello sorge uno dei più spettacolari edifici rinascimentali di Venezia: Palazzo Grimani.

Acquistato all'inizio del ‘500 dal Doge Antonio per i suoi figli, il palazzo venne poi ampliato e ristrutturato dal nipote del Doge, Giovanni, patriarca di Aquileia (1506- 1593).

Giovanni Grimani fu sicuramente uno dei massimi rappresentanti della cultura rinascimentale a Venezia: il palazzo venne ampliato e decorato al fine di ospitare la sua incredibile collezione di marmi greci e romani.

La carriera ecclesiastica del patriarca subì un tracollo nel 1546 per un'accusa di eresia, dalla quale dovette difendersi a Roma e al concilio di Trento. Nonostante fosse stato dichiarato innocente, il Grimani non riuscì ad ottenere la nomina a cardinale che tanto desiderava (si fece addirittura ritrarre in abiti cardinalizi!).

Questa vicenda, che lo tormentò fino alla morte, è illustrata in una delle sale più belle del suo palazzo, la sala a fogliami.

Decorata dall'artista Camillo Mantovano negli anni '60 del XVI secolo, presenta un incredibile soffitto affrescato con una fitta selva in cui sono presenti uccelli e piante (fra cui specie ‘esotiche' appena arrivate dal nuovo mondo come il tabacco e il mais).

Nelle lunette sono rappresentati animali e motti in latino: si tratta di rebus che alludono al travagliato processo per eresia subito dal patriarca e ribadiscono la sua innocenza e la sua fedeltà alla chiesa di Roma.

Oggi Palazzo Grimani è diventato un museo, aperto al pubblico da martedì a domenica, dalle 8.15 alle 19.15. L'originalità dell'architettura, la bellezza delle decorazioni e la travagliata storia che ne ha caratterizzato le vicende, lo rendono una meta di grande fascino negli itinerari veneziani... Su richiesta, Palazzo Grimani può essere incluso in un'originale visita guidata alla scoperta del Rinascimento veneziano!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi