Aneddoti & Curiosità

La Sala della Musica all'Ospedaletto di Venezia

Opere e luoghi poco noti
ospedaletto-venezia

La Sala della Musica all'Ospedaletto di Venezia

In passato, Venezia aveva diverse istituzioni chiamate Ospedali, che fungevano anche da ricovero per anziani soli e indigenti, orfani e bambini le cui famiglie non potevano accudirli.

Tra queste istituzioni ricordiamo Santa Maria dei Derelitti, nel sestiere di Castello, chiamato ‘l'Ospedaletto' per le sue dimensioni contenute, che diede il via ad una tradizione importantissima per la città: i cori delle fanciulle.

Fin dalla sua fondazione nel ‘500 le orfanelle cantavano in chiesa inni sacri; all'inizio era solo un modo per apprendere i fondamenti della religione, ma poi divennero così famose da diventare un'attività indipendente: con le offerte raccolte durante i concerti, infatti, si creava la dote per le fanciulle, permettendo loro di lasciare l'istituto e di sposarsi.

Le fanciulle imparavano anche a suonare uno strumento (a fiato o ad arco), così da creare una vera e propria orchestra di circa 40 elementi, ed erano seguite da un maestro che spesso componeva musica apposta per loro.

Per incentivare i concerti, nel 1776 fu creata una sala apposita che fu appunto chiamata ‘Sala della Musica', dove le ragazze del coro organizzavano concerti. Non dimentichiamo che Venezia non obbediva al papato, che proibiva alle donne di esibirsi...

Nel 1777 per decorare la nuova sala fu chiamato il grande pittore Jacopo Guarana, che aiutato dal quadraturista Agostino Mengozzi Colonna, realizzò un'incredibile capolavoro. Nelle pareti furono rappresentate, con incredibile vivacità, le fanciulle del coro intente a suonare o a cantare…

La sala fa ora parte di un ricovero per anziani ma, su richiesta, può essere visitata.

Se desiderate includere questo inedito luogo nel vostro itinerario privato di Venezia, vi basterà compilare l'apposito form segnalando nel campo ‘Preferenze riguardo il tour' i luoghi che volete includere nella visita!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi