Aneddoti & Curiosità

La Sala della Musica all'Ospedaletto di Venezia

Opere e luoghi poco noti
ospedaletto-venezia

La Sala della Musica all'Ospedaletto di Venezia

In passato, Venezia aveva diverse istituzioni chiamate Ospedali, che fungevano anche da ricovero per anziani soli e indigenti, orfani e bambini le cui famiglie non potevano accudirli.

Tra queste istituzioni ricordiamo Santa Maria dei Derelitti, nel sestiere di Castello, chiamato ‘l'Ospedaletto' per le sue dimensioni contenute, che diede il via ad una tradizione importantissima per la città: i cori delle fanciulle.

Fin dalla sua fondazione nel ‘500 le orfanelle cantavano in chiesa inni sacri; all'inizio era solo un modo per apprendere i fondamenti della religione, ma poi divennero così famose da diventare un'attività indipendente: con le offerte raccolte durante i concerti, infatti, si creava la dote per le fanciulle, permettendo loro di lasciare l'istituto e di sposarsi.

Le fanciulle imparavano anche a suonare uno strumento (a fiato o ad arco), così da creare una vera e propria orchestra di circa 40 elementi, ed erano seguite da un maestro che spesso componeva musica apposta per loro.

Per incentivare i concerti, nel 1776 fu creata una sala apposita che fu appunto chiamata ‘Sala della Musica', dove le ragazze del coro organizzavano concerti. Non dimentichiamo che Venezia non obbediva al papato, che proibiva alle donne di esibirsi...

Nel 1777 per decorare la nuova sala fu chiamato il grande pittore Jacopo Guarana, che aiutato dal quadraturista Agostino Mengozzi Colonna, realizzò un'incredibile capolavoro. Nelle pareti furono rappresentate, con incredibile vivacità, le fanciulle del coro intente a suonare o a cantare…

La sala fa ora parte di un ricovero per anziani ma, su richiesta, può essere visitata.

Se desiderate includere questo inedito luogo nel vostro itinerario privato di Venezia, vi basterà compilare l'apposito form segnalando nel campo ‘Preferenze riguardo il tour' i luoghi che volete includere nella visita!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi

I post più letti

Treviso: Il cimitero ebraico di Conegliano

cimitero-conegliano
Opere e luoghi poco noti

Non tutti sanno che la città di Conegliano ha ospitato una delle più importanti comunità ebraiche del Veneto, sia dal punto di vista...

Vedi

Belluno: La casa natale di Tiziano Vecellio a Pieve di Cadore

casa-tiziano-pieve
Presenze illustri

Nel cuore delle Dolomiti, patrimonio dell’Unesco, si trova un piccolo, pittoresco paesino, Pieve di Cadore. Si tratta di un luogo spe...

Vedi

Vicenza: Il Ponte degli Alpini a Bassano del Grappa

Ponte-degli-Alpini-Bassano
Curiosità storiche

Se i ponti sono la vostra passione non potete assolutamente perdere il Ponte degli Alpini a Bassano del Grappa, in Provincia di Vicenza...

Vedi

Venezia: L’altorilievo di Ercole sulla facciata della casa del Tintoretto

casa-tintoretto-venezia
Misteri & Leggende

Nel sestiere di Cannaregio a Venezia sorge la casa del famoso pittore Jacopo Robusti detto ‘il Tintoretto’ (1519- 1594). Sulla facc...

Vedi