Aneddoti & Curiosità

La Salomè del Battistero di San Marco a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Salome2

La Salomè del Battistero di San Marco a Venezia

 

Tra tutte le figure bibliche, Salomè è sicuramente una delle più controverse e affascinanti.

La sua storia di seduzione e morte è stata rappresentata da moltissimi artisti in tutte le epoche, come per esempio nei fantastici mosaici trecenteschi del Battistero della Basilica di San Marco a Venezia.

Sopra la porta del Battistero (dove sono rappresentate le vicende della vita di San Giovanni Battista), la vediamo ballare in un sensuale vestito rosso con maniche piumate, mostrando il suo macabro trofeo su un piatto dorato.

Figlia di Erodiade, Salomè abbandonò il marito Erode Filippo I e andò a convivere con il cognato, il re Erode Antipa. Giovanni Battista condannò pubblicamente la condotta dello zio di Salomè; questi, allora, lo fece prima imprigionare, poi, per compiacere la bella figlia di Erodiade, che aveva ballato per lui ad un banchetto, lo fece decapitare.

Il racconto viene dal Vangelo di Matteo (14, 1-2): La figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode che egli le promise con giuramento di darle tutto quello che avesse domandato. Ed essa, istigata dalla madre, disse: “Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista…“

Alcune leggende narrano che Salomè sarebbe morta inghiottita dalle acque mentre ballava su una lastra di ghiaccio troppo sottile, ma è più probabile che sia morta in tarda età, come ci racconta lo storico romano Flavio Giuseppe, suo contemporaneo. Secondo lo storico di origine ebraica ella sarebbe nata nel 14 d.C., esattamente 2000 anni fa...

Potrete ammirare lo splendido mosaico del Battistero di San Marco che raffigura Salomè solo con La Basilica di San Marco e i suoi Tesori, un'affascinante tour alla scoperta dei tesori custoditi nella Basilica di San Marco che include la visita esclusiva del Battistero e della Cappella Zen, due ambienti non accessibili nel normale percorso di visita interno alla Basilica.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi