Aneddoti & Curiosità

La scenografia del teatro Olimpico di Vicenza

Curiosità storiche
olimpico-scenografia

La scenografia del teatro Olimpico di Vicenza

Vicenza è sicuramente la città di Andrea Palladio (1508- 1580), uno dei più grandi architetti di tutti i tempi, soprattutto per quanto ha influenzato l’architettura successiva con il suo classicismo.

L’opera che forse più di tutte rispecchia i suoi ideali di ritorno all’antichità è sicuramente il Teatro Olimpico, commisionato dall’Accademia Olimpica per la rappresentazione di opere classiche nel 1580. Alla morte di Palladio, il teatro fu completato dal suo discepolo Vincenzo Scamozzi.

Il teatro venne inaugurato il 3 marzo 1585 con la rappresentazione dell’Edipo re di Sofocle. Per l’occasione, lo Scamozzi realizzò le scene in legno e stucco, che rappresentano le sette vie della città di Tebe. Dovevano essere usate solo per quella rappresentazione ma non furono mai rimosse e, malgrado pericoli d’incendio e bombardamenti bellici, si sono miracolosamente conservate fino ai giorni nostri, uniche della loro epoca.

La sera della prima furono illuminate con un originale e complesso sistema di illuminazione artificiale, ideato sempre da Scamozzi.

Il teatro Olimpico di Vincenza è stato usato come set cinematografico per il film ‘Casanova’ di Lasse Hallström (2005), nella scena in cui la protagonista femminile Francesca (interpretata da Sienna Miller) discute con i professori universitari sull’uguaglianza fra uomo e donna.

Il teatro è tuttora sede di rappresentazioni e concerti e, nel 1994, è stato incluso nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, come le altre opere palladiane a Vicenza.

Il Teatro Olimpico è inserito nell’itinerario a Vicenza città, una delle affascinanti proposte elaborate dalla nostra guida Michela per farvi scoprire la città del Palladio con un’esclusiva visita guidata privata!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: La casa del cammello nel Sestiere di Cannaregio

palazzo-mastelli
Curiosità storiche

Se fate un giro nel Sestiere di Cannaregio potreste imbattervi in un cammello, ovviamente non in un cammello in carne ed ossa, ma raffi...

Vedi

Venezia: I bussolai, tipici biscotti pasquali di Burano

bussola
Tradizioni popolari

I ‘bussolai’ sono biscotti tipici della tradizione veneziana e derivano il loro nome dalla parola ‘busa’ che significa ‘buco...

Vedi

Venezia: Le tradizioni di Pasqua nella Venezia della Serenissima

pasqua-serenissima
Tradizioni popolari

La Pasqua è una delle feste più importanti per il Cristianesimo poiché commemora la Resurrezione di Gesù Cristo. Nel corso dei seco...

Vedi

Padova: I Vizi e le Virtù secondo Giotto nella Cappella degli Scrovegni

Carità-e-Invidia
Curiosità storiche

La Cappella degli Scrovegni a Padova racchiude uno dei capolavori più significativi di tutti i tempi: il grande ciclo di affreschi di ...

Vedi

I post più letti

Venezia: I dipinti di Tiziano nella Sacrestia della Basilica della Salute

tiziano-salute-venezia
Presenze illustri

La chiesa della Salute è uno dei luoghi religiosi più importanti di Venezia… è stata eretta per ricordate la fine della terribile ...

Vedi

Padova: L’antico cimitero ebraico di Padova in via Weil

cimitero-ebraico-padova
Curiosità storiche

Padova vanta una delle università più antiche del mondo, fondata nel 1222 e aperta a tutti. Tra il Duecento e il Trecento, i cittadin...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi

Vicenza: Il criptoportico di Piazza Duomo a Vicenza

criptoportico_vicenza
Opere e luoghi poco noti

Vicenza è famosa in tutto il mondo per i suoi monumenti cinquecenteschi, patrimonio dell’Unesco opera del grande architetto Andrea P...

Vedi