Aneddoti & Curiosità

La Scuola degli Albanesi a San Maurizio a Venezia

Opere e luoghi poco noti
SM_Albanesi

La Scuola degli Albanesi a San Maurizio a Venezia

Per arrivare in Campo San Maurizio a Venezia, lungo il percorso per raggiungere Piazza San Marco, si attraversa una calle piccola e stretta in cui di solito nessuno si ferma. In realtà questa calletta nasconde un edificio davvero speciale: la scuola degli Albanesi.

A Venezia la parola “Scuola” indicava una confraternita religiosa e questa in particolare raccoglieva tra i suoi confratelli gli albanesi residenti o di passaggio a Venezia.

La piccola facciata è decorata con eleganti rilievi raffiguranti la Vergine col Bambino tra i santi Gallo e Maurizio; quello che più colpisce però gli spettatori più attenti è il rilievo della parte superiore: il Sultano Maometto II che osserva il castello di Scutari; si tratta di un'allusione all'avanzata ottomana nei Balcani e quindi anche l'Albania. La stessa Scutari era infatti caduta nel 1479 e in seguito molti profughi albanesi si erano appunto rifugiati a Venezia.

Nel 1504-1508 la sala principale della Scuola venne decorata da un ciclo di teleri con Storie della Vergine di Vittore Carpaccio, in gran parte frutto di aiuti (sparse oggi tra musei di Venezia, Milano e Bergamo).

Dal 1780 l'edificio ospitò la Scuola dei Pistori, cioè dei fornai, ma nel 1808, al pari delle altre confraternite veneziane, fu soppressa dalle leggi napoleoniche e il suo corredo artistico e decorativo disperso. Oggi ospita appartamenti privati.

Se vuoi conoscere molti altri curiosi aneddoti su Venezia come questo, compila il seguente form per richiedere la disponibilità di Francesca, la nostra amata guida autrice di questo articolo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

Venezia: Perché si dice Rosso Tiziano?

rosso_tiziano
Modi di dire

Ricordate la sensuale ‘Venere di Urbino’ o l’elegante ‘Donna allo specchio’ di Tiziano Vecellio? Ecco, focalizzatevi sul...

Vedi

I post più letti

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi