Aneddoti & Curiosità

La Scuola degli Albanesi a San Maurizio a Venezia

Opere e luoghi poco noti
SM_Albanesi

La Scuola degli Albanesi a San Maurizio a Venezia

Per arrivare in Campo San Maurizio a Venezia, lungo il percorso per raggiungere Piazza San Marco, si attraversa una calle piccola e stretta in cui di solito nessuno si ferma. In realtà questa calletta nasconde un edificio davvero speciale: la scuola degli Albanesi.

A Venezia la parola “Scuola” indicava una confraternita religiosa e questa in particolare raccoglieva tra i suoi confratelli gli albanesi residenti o di passaggio a Venezia.

La piccola facciata è decorata con eleganti rilievi raffiguranti la Vergine col Bambino tra i santi Gallo e Maurizio; quello che più colpisce però gli spettatori più attenti è il rilievo della parte superiore: il Sultano Maometto II che osserva il castello di Scutari; si tratta di un'allusione all'avanzata ottomana nei Balcani e quindi anche l'Albania. La stessa Scutari era infatti caduta nel 1479 e in seguito molti profughi albanesi si erano appunto rifugiati a Venezia.

Nel 1504-1508 la sala principale della Scuola venne decorata da un ciclo di teleri con Storie della Vergine di Vittore Carpaccio, in gran parte frutto di aiuti (sparse oggi tra musei di Venezia, Milano e Bergamo).

Dal 1780 l'edificio ospitò la Scuola dei Pistori, cioè dei fornai, ma nel 1808, al pari delle altre confraternite veneziane, fu soppressa dalle leggi napoleoniche e il suo corredo artistico e decorativo disperso. Oggi ospita appartamenti privati.

Se vuoi conoscere molti altri curiosi aneddoti su Venezia come questo, compila il seguente form per richiedere la disponibilità di Francesca, la nostra amata guida autrice di questo articolo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Nuova linfa vitale ai Giardini Reali di Venezia

giardini-reali
Opere e luoghi poco noti

Venezia, non si smentisce mai. Dopo la disastrosa acqua alta dello scorso novembre, la città mostra il suo coriaceo orgoglio con la ri...

Vedi

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

I post più letti

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Verona: La storia delle mura romane di Verona

porta-borsari
Curiosità storiche

Verona è sempre stata considerata una città di notevole importanza dal punto di vista militare: trovandosi allo sbocco della Valle de...

Vedi