Aneddoti & Curiosità

La storia delle mura romane di Verona

Curiosità storiche
porta-borsari

La storia delle mura romane di Verona

Verona è sempre stata considerata una città di notevole importanza dal punto di vista militare: trovandosi allo sbocco della Valle dell’Adige e all’incrocio delle vie Postumia, Gallica e Claudio-Augusta, essa ha dovuto escogitare sistemi difensivi appropriati.

Una prima sezione di mura difensive venne costruita dagli antichi romani nel I secolo a.C. trincerando solo la parte sud della città poiché a nord, ad ovest e ad est ci si affidava alla naturale protezione fornita dal fiume Adige. A partire dal II secolo a.C., Verona assunse un fondamentale ruolo strategico nell'ordinamento dell'Italia romana, così da accampamento militare, la città veronese divenne un fiorente centro di scambi commerciali. La vera e propria cinta muraria, secondo le più recenti fonti storiche, è da far risalire all’epoca tardo repubblicana: lunga 900 metri, era realizzata a filari alternati di grossi ciottoli legati con malta e mattoni. Nel 265 d.C., a causa della minaccia rappresentata dagli Alemanni, l’imperatore Gallieno decise di attuare una grande opera di restauro delle mura, la cui conservazione, dopo quasi due secoli di pace, era in pessimo stato. Sorsero così le ‘Mura di Gallieno’ che comprendevano la cinta che circondava l'Arena e forse, data la dubbia attribuzione all’imperatore, la sezione di mura che va dalla Porta Iovia (oggi conosciuta come Porta Borsari) a Porta Leona. La minaccia barbarica era talmente pressante che le mura vennero restaurate in soli sei mesi e fu impiegato qualunque materiale di recupero presente nel territorio come frammenti di edifici, lapidi, tombe, ecc.

Nei secoli successivi le mura di Verona subirono continue modifiche, rifacimenti e restauri…una storia lunga ed entusiasmante che ancora oggi possiamo leggere tra i resti presenti all’interno della città scaligera. Palazzi cittadini, piazze e suggestivi vicoli nascondono veri e propri tesori di storia romana assolutamente da non perdere! Con la nostra ‘Visita guidata di Verona Sotterranea: alla scoperta dei luoghi nascosti della città scaligera’ sarete accompagnati alla scoperta di straordinari siti archeologici nei luoghi più segreti della città!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi