Aneddoti & Curiosità

La Tomba Brion di Carlo Scarpa ad Altivole

Presenze illustri
tomba-brion

La Tomba Brion di Carlo Scarpa ad Altivole

Vicino ad Asolo, regno della regina Caterina Corner, vi è un piccolo paesino chiamato Altivole… Il suo cimitero è famoso perché vi sorge un monumento funebre costruito da uno dei più grandi architetti veneti del ‘900, Carlo Scarpa.

Il monumento è stato progettato nel 1969 su commissione di Onorina Brion Tomasin per il marito Giuseppe Brion, fondatore e proprietario della Brionvega, ed eretto tra il 1970 ed il 1978, anno in cui lo stesso Scarpa morì in seguito ad una caduta dalle scale di un negozio a Sendai, in Giappone. L’opera venne quindi ultimata seguendo i progetti dell’architetto, che vi fu anche sepolto, secondo quanto richiesto nel proprio testamento.

Il complesso funebre è strutturato a forma di ‘L ribaltata’ ed è composto dai propilei, da un arcosolio (tipo di sepoltura tipica delle catacombe), da una cappella e da un ‘padiglione della meditazione’ posto su uno specchio d’acqua.

I propilei si presentano con una facciata asimmetrica, chiusa a destra da un setto fortemente modellato (simboleggia la forza), mentre a sinistra da una sorta di pilastro (la bellezza).

L’arcosolio dispone di un ricco tappeto a due file di tessere a scacchi bianchi e neri, la cui linea mediana collega i due feretri; i sarcofagi sono rivestiti con doghe in ebano.

La cappella è situata al centro di una vasca d’acqua nella quale sono collocate forme di calcestruzzo a gradini.

Il ‘padiglione della meditazione’ si presenta come una scatola a cui è stata tolta la parte inferiore ed appare come sospeso sull’acqua… In realtà è sorretto da esili montanti dal profilo spezzato. Il padiglione è volutamente separato del resto del complesso mediante una porta che si abbassa e scompare nell’acqua, azionata da un complicato sistema di cavi e pulegge nascosto all’occhio del visitatore.

Se vi trovate ad Altivole, raggiungibile da Venezia con comodo taxi privato, mettete in agenda anche un sosta al ‘Barco’ di Caterina Corner, unico resto dello splendido palazzo che la Regina di Cipro aveva fatto erigere per sé e la sua corte dopo che la Serenissima le donò il feudo di Asolo.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi