Aneddoti & Curiosità

La tragica leggenda del Cuore della Scuola Grande di San Marco

Misteri & Leggende
cuore-scuola-scuola-grande-san-marco

La tragica leggenda del Cuore della Scuola Grande di San Marco

Nelle millenarie pietre di Venezia troviamo raccontate incredibili e affascinanti storie, leggende e memorie che si nascondono in ogni angolo della città…

In campo Santi Giovanni e Paolo, tra la porta d’ingresso della Scuola Grande di San Marco, l’attuale Ospedale Civile, e la parte destra della facciata, a circa 30 cm da terra, si trova uno strano graffito inciso nella pietra che rappresenta un uomo con turbante che tiene nella mano sinistra un cuore. Una raffigurazione alquanto bizzarra che sembra trarre le sue origini da un tremendo matricidio.

La leggenda vuole che tanto tempo fa, un commerciante ebreo, diventato poi cittadino turco, sposò una donna cristiana della Giudecca dalla quale ebbe un figlio che rapì quando era ancora un infante. Il ragazzo, che crebbe insieme al padre, si sentiva solo ed infelice perché, a causa del suo sangue per metà veneziano e per metà levantino, non era ben accetto dalla comunità cristiana e nemmeno da quella turca.

La frustrazione e la rabbia per questa sua condizione portò il ragazzo a maturare un carattere violento e collerico che trovava sfogo ogni qualvolta che andava a trovare la madre. Gli incontri sfociavano spesso in furiosi litigi ed una sera la situazione degenerò: il giovane, accecato dalla rabbia, accoltellò la madre e le strappò il cuore dal petto. Una volta rinsavito e resosi conto del gesto efferato, uscì di casa e corse a perdifiato lungo le Fondamenta della Scuola Grande di San Marco. A un certo punto inciampò ed il cuore della madre gli cadde in acqua. Schiacciato dai sensi di colpa, si rialzò, raggiunse le Fondamenta Nuove, si buttò in laguna e si lasciò affogare…

Ecco svelata l’origine di questa particolare incisione … l’autore sembra essere stato uno scalpellino di nome Cesco che, impegnato alla realizzazione della facciata della Scuola Grande di San Marco, fu testimone dell’omicidio appena raccontato e decise di affidare alla pietra il ricordo di questo giovane che mai riuscì a trovare posto nel piccolo mondo veneziano.

Vi piacerebbe toccare con mano questa incredibile incisione e conoscere altre storie e leggende legate ad altri affascinanti palazzi? Accompagnati da una esperta guida turistica potrete scoprire la storia e il fascino della Scuola Grande di San Marco e gli angoli più caratteristici della città sull’acqua grazie ad un itinerario creato ad hoc!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi