Aneddoti & Curiosità

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

Curiosità storiche
Venere_Tiziano

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

La ‘Venere di Urbino' di Tiziano Vecellio è un vero capolavoro del celebre pittore veneziano, dipinto nel 1538 per il signore di Urbino Guidobaldo della Rovere. Secondo la tradizione, la bellissima donna rappresentata sarebbe una cortigiana veneziana  e in effetti il suo sguardo ammiccante e sensuale può essere facilmente collegato ad ‘un' esperta d'amore'.

 A Venezia il fenomeno delle cortigiane era ben tollerato e a volte addirittura incentivato, per paura dell'omosessualità. Secondo un censimento del 1509 se ne contavano 11.164 e, dalla prima metà del '300, le cortigiane erano obbligate ad abitare in un quartiere vicino a Rialto chiamato ‘il Castelletto' dove c'era un ponte detto 'Delle Tette' perché da sopra questo ponte le cortigiane si affacciavano con i seni scoperti per allettare i passanti.

Attività e comportamenti delle cortigiane erano minuziosamente regolati dalla Repubblica di Venezia: alla sera le meretrici dovevano rientrare a casa pena una multa e 10 frustate e rischiavano 15 frustate se avvicinavano uomini nel periodo di Natale, della Pasqua e altri giorni sacri.  C'erano due categorie di cortigiane: quelle di basso rango, che vivevano in casa malsane frequentate dal popolino, e quelle d'alto rango, che erano invidiate soprattutto dalle nobildonne, schiave di mille regole, per la libertà che esse godevano e per le importanti amicizie che potevano assicurarsi. Esisteva per esse una sorta di registro, utile soprattutto per gli stranieri che visitavano la città, in cui si trovavano nomi, tariffe e arti, come la danza e la musica, in cui le varie cortigiane eccellevano.

Per scoprire gli aspetti più insoliti di Venezia con una visita su misura, contattateci! Organizzeremo per voi un tour curioso e originale alla scoperta di quello che più vi affascina di questa magica città, accompagnati dalla nostra esperta guida Francesca.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Venezia: Cosa vedere a Burano?

burano
Opere e luoghi poco noti

L’isola di Burano è un vero e proprio spettacolo per gli occhi e una grande emozione per il cuore: ogni anno migliaia di turisti si ...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Verona: La storia delle mura romane di Verona

porta-borsari
Curiosità storiche

Verona è sempre stata considerata una città di notevole importanza dal punto di vista militare: trovandosi allo sbocco della Valle de...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi