Aneddoti & Curiosità

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

Curiosità storiche
Venere_Tiziano

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

La ‘Venere di Urbino' di Tiziano Vecellio è un vero capolavoro del celebre pittore veneziano, dipinto nel 1538 per il signore di Urbino Guidobaldo della Rovere. Secondo la tradizione, la bellissima donna rappresentata sarebbe una cortigiana veneziana  e in effetti il suo sguardo ammiccante e sensuale può essere facilmente collegato ad ‘un' esperta d'amore'.

 A Venezia il fenomeno delle cortigiane era ben tollerato e a volte addirittura incentivato, per paura dell'omosessualità. Secondo un censimento del 1509 se ne contavano 11.164 e, dalla prima metà del '300, le cortigiane erano obbligate ad abitare in un quartiere vicino a Rialto chiamato ‘il Castelletto' dove c'era un ponte detto 'Delle Tette' perché da sopra questo ponte le cortigiane si affacciavano con i seni scoperti per allettare i passanti.

Attività e comportamenti delle cortigiane erano minuziosamente regolati dalla Repubblica di Venezia: alla sera le meretrici dovevano rientrare a casa pena una multa e 10 frustate e rischiavano 15 frustate se avvicinavano uomini nel periodo di Natale, della Pasqua e altri giorni sacri.  C'erano due categorie di cortigiane: quelle di basso rango, che vivevano in casa malsane frequentate dal popolino, e quelle d'alto rango, che erano invidiate soprattutto dalle nobildonne, schiave di mille regole, per la libertà che esse godevano e per le importanti amicizie che potevano assicurarsi. Esisteva per esse una sorta di registro, utile soprattutto per gli stranieri che visitavano la città, in cui si trovavano nomi, tariffe e arti, come la danza e la musica, in cui le varie cortigiane eccellevano.

Per scoprire gli aspetti più insoliti di Venezia con una visita su misura, contattateci! Organizzeremo per voi un tour curioso e originale alla scoperta di quello che più vi affascina di questa magica città, accompagnati dalla nostra esperta guida Francesca.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Il ponte dei pugni nel Sestiere di Dorsoduro

ponte-dei-pugni
Curiosità storiche

Il ponte dei pugni, situato nel Sestiere di Dorsoduro, deve il suo nome ad un’antica tradizione di Venezia: la Guerra dei pugni. Gli ...

Vedi

Venezia: La pietra rossa del ‘Sotoportego de la peste’

sotoportego-de-la-peste
Misteri & Leggende

Camminando per Venezia tra calli, campi e campielli vi potreste imbattere in strane lastre sul selciato… che non vanno assolutamente ...

Vedi

Treviso: La fabbrica di coriandoli del signor Carnevale a Paese

fabbrica-cordiandoli-carnevale
Tradizioni popolari

Tutti noi conosciamo i coriandoli, quei pezzettini di carta colorata che vengono lanciati in aria in occasione del carnevale… Vi siet...

Vedi

Venezia: Canaletto, il grande vedutista veneziano

canaletto-san-marco
Presenze illustri

Giovanni Antonio Canal, meglio conosciuto come il Canaletto, è stato uno dei più grandi vedutisti del Settecento. Oltre a unire archi...

Vedi

I post più letti

Padova: Il giardino delle biodiversità nell’Orto Botanico di Padova

giardino-biodiversità
Opere e luoghi poco noti

Fondato nel 1545 , l’orto Botanico di Padova è il più antico orto botanico al mondo ancora situato nella sua collocazione originari...

Vedi

Vicenza: La Torre Bissara nella Piazza dei Signori

torre-bissara-vicenza
Curiosità storiche

Uno dei luoghi più suggestivi di Vicenza è sicuramente Piazza dei Signori, dove si affaccia la celeberrima Basilica Palladiana, opera...

Vedi

Venezia: Il rilievo dell’uomo con la pipa a Palazzo Loredan sul Canal Grande

palazzo-loredan
Misteri & Leggende

Uno dei palazzi più antichi sulle rive del Canal Grande è Palazzo Loredan, eretto nel XIII secolo e attualmente sede del Municipio ci...

Vedi

Verona: Il monumento equestre a Cangrande della Scala a Verona

cangrande
Presenze illustri

Uno dei personaggi più famosi della storia di Verona è sicuramente Cangrande della Scala, signore di Verona dal 1308 fino al 1329, an...

Vedi