Aneddoti & Curiosità

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

Curiosità storiche
Venere_Tiziano

La Venere di Tiziano e le cortigiane veneziane

La ‘Venere di Urbino' di Tiziano Vecellio è un vero capolavoro del celebre pittore veneziano, dipinto nel 1538 per il signore di Urbino Guidobaldo della Rovere. Secondo la tradizione, la bellissima donna rappresentata sarebbe una cortigiana veneziana  e in effetti il suo sguardo ammiccante e sensuale può essere facilmente collegato ad ‘un' esperta d'amore'.

 A Venezia il fenomeno delle cortigiane era ben tollerato e a volte addirittura incentivato, per paura dell'omosessualità. Secondo un censimento del 1509 se ne contavano 11.164 e, dalla prima metà del '300, le cortigiane erano obbligate ad abitare in un quartiere vicino a Rialto chiamato ‘il Castelletto' dove c'era un ponte detto 'Delle Tette' perché da sopra questo ponte le cortigiane si affacciavano con i seni scoperti per allettare i passanti.

Attività e comportamenti delle cortigiane erano minuziosamente regolati dalla Repubblica di Venezia: alla sera le meretrici dovevano rientrare a casa pena una multa e 10 frustate e rischiavano 15 frustate se avvicinavano uomini nel periodo di Natale, della Pasqua e altri giorni sacri.  C'erano due categorie di cortigiane: quelle di basso rango, che vivevano in casa malsane frequentate dal popolino, e quelle d'alto rango, che erano invidiate soprattutto dalle nobildonne, schiave di mille regole, per la libertà che esse godevano e per le importanti amicizie che potevano assicurarsi. Esisteva per esse una sorta di registro, utile soprattutto per gli stranieri che visitavano la città, in cui si trovavano nomi, tariffe e arti, come la danza e la musica, in cui le varie cortigiane eccellevano.

Per scoprire gli aspetti più insoliti di Venezia con una visita su misura, contattateci! Organizzeremo per voi un tour curioso e originale alla scoperta di quello che più vi affascina di questa magica città, accompagnati dalla nostra esperta guida Francesca.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi