Aneddoti & Curiosità

L’altare di Donatello nella Basilica del Santo a Padova

Curiosità storiche
altare-donatello

L’altare di Donatello nella Basilica del Santo a Padova

Chi si reca a Padova, non può non visitare la stupenda Basilica dedicata a Sant’Antonio da Padova, frate francescano di origine portoghese vissuto fra il XII e il XIII secolo.

La Basilica, costruita fra il 1233 e il 1310, è un scrigno di opere d’arte in quanto furono chiamati a lavorarci i più grandi artisti del Medioevo e del Rinascimento, fra cui il celebre scultore toscano Donatello.

Dopo avergli commissionato un grande crocifisso bronzeo nel 1443, i frati chiesero a Donatello di realizzare anche l’altare maggiore.

Il suo aspetto originario doveva ricordare una ‘sacra conversazione’ tridimensionale, con le figure di sei santi-  Francesco, Antonio, Giustina, Daniele, Ludovico e Prosdocimo-  a tutto tondo disposte attorno a una Madonna col Bambino posta sotto una sorta di baldacchino poco profondo, scandito da otto colonne o pilastri e posizionato a ridosso degli archi del deambulatorio. Il basamento, ornato da rilievi su tutti i lati - miracoli di Sant’Antonio e una deposizione di Cristo-  era una sorta di predella, mentre lo zoccolo doveva essere decorato da intarsi marmorei.

Con la ristrutturazione del presbiterio nel 1591, l’altare venne smembrato e le varie opere divise in più punti della basilica. Nel nuovo altare barocco vennero riutilizzate solo alcune statue donatelliane, soprattutto nel coronamento. Nel 1895 l’altare fu ricomposto dall’architetto Camillo Boito che, però, creò una sistemazione fantasiosa e diversa dalla composizione originale.

Se desiderate visitare la Basilica in compagnia di una brillante guida turistica locale, vi consigliamo di contattarci per organizzare un esclusivo tour privato di Padova!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Padova: Jacopo Marcello, il Capitano da Mar che non doveva morire

ca-marcello
Presenze illustri

Ca’ Marcello a Piombino Dese (PD) è una stupenda villa veneta settecentesca… Ancora oggi, è abitata dai Conti Marcello, nobile fa...

Vedi

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

I post più letti

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi

Treviso: Castelbrando a Cison di Valmarino

castelbrando
Opere e luoghi poco noti

La provincia di Treviso offre ai suoi visitatori moltissimi luoghi pieni di storia e ricchi di fascino… Uno di questi è sicuramente ...

Vedi

Venezia: La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Tomba_Canova
Misteri & Leggende

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa ...

Vedi

Venezia: L'imperatrice Sissi a Venezia

Sissi
Presenze illustri

L'imperatrice Sissi (1837-18989), moglie dell'imperatore d' Austria Francesco Giuseppe d'Asburgo, è rimasta nell'immaginario collettiv...

Vedi