Aneddoti & Curiosità

L’altare di Donatello nella Basilica del Santo a Padova

Curiosità storiche
altare-donatello

L’altare di Donatello nella Basilica del Santo a Padova

Chi si reca a Padova, non può non visitare la stupenda Basilica dedicata a Sant’Antonio da Padova, frate francescano di origine portoghese vissuto fra il XII e il XIII secolo.

La Basilica, costruita fra il 1233 e il 1310, è un scrigno di opere d’arte in quanto furono chiamati a lavorarci i più grandi artisti del Medioevo e del Rinascimento, fra cui il celebre scultore toscano Donatello.

Dopo avergli commissionato un grande crocifisso bronzeo nel 1443, i frati chiesero a Donatello di realizzare anche l’altare maggiore.

Il suo aspetto originario doveva ricordare una ‘sacra conversazione’ tridimensionale, con le figure di sei santi-  Francesco, Antonio, Giustina, Daniele, Ludovico e Prosdocimo-  a tutto tondo disposte attorno a una Madonna col Bambino posta sotto una sorta di baldacchino poco profondo, scandito da otto colonne o pilastri e posizionato a ridosso degli archi del deambulatorio. Il basamento, ornato da rilievi su tutti i lati - miracoli di Sant’Antonio e una deposizione di Cristo-  era una sorta di predella, mentre lo zoccolo doveva essere decorato da intarsi marmorei.

Con la ristrutturazione del presbiterio nel 1591, l’altare venne smembrato e le varie opere divise in più punti della basilica. Nel nuovo altare barocco vennero riutilizzate solo alcune statue donatelliane, soprattutto nel coronamento. Nel 1895 l’altare fu ricomposto dall’architetto Camillo Boito che, però, creò una sistemazione fantasiosa e diversa dalla composizione originale.

Se desiderate visitare la Basilica in compagnia di una brillante guida turistica locale, vi consigliamo di contattarci per organizzare un esclusivo tour privato di Padova!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi