Aneddoti & Curiosità

L’antico cimitero ebraico di Padova in via Weil

Curiosità storiche
cimitero-ebraico-padova

L’antico cimitero ebraico di Padova in via Weil

Padova vanta una delle università più antiche del mondo, fondata nel 1222 e aperta a tutti.

Tra il Duecento e il Trecento, i cittadini di religione ebraica qui avevano la possibilità di studiare fino ai massimi livelli…  Padova divenne quindi il centro di un’importante comunità, che sentì presto il bisogno di avere un luogo di sepoltura per i propri membri.

A Padova si trovano ben cinque cimiteri ebraici: il più antico e suggestivo è quello di via Weil, che è anche uno dei più antichi cimiteri ebraici in Europa!

Fondato nel XVI secolo, è stato utilizzato come luogo di sepoltura fino al XVIII secolo. Si trova fuori dalle mura medievali della città, protetto da bastioni cinquecenteschi. Nel 1653 fu ingrandito grazie a Salomone Marini, rabbino della ‘Università degli ebrei Portoghesi di Padova’.

Nel cimitero di via Weil sono sepolte anche personalità di rilievo, come Meir Katzenellenbogen, nato a Praga nel 1473 e morto a Padova nel 1565, autore dei ‘Responsa’; Rav Meir e il figlio Samuel, anche lui rabbino talmudista. Queste celebri sepolture richiamano ancor oggi visite da tutto il mondo. Vi sono anche le lapidi di figure molto care alla città patavina, tra qui quella di Abram Catalan, il medico padovano che, durante la peste del 1630-31, fu incaricato di vigilare sulle condizioni di vita nel ghetto e di prendere le misure necessarie per contenere il contagio, assieme ad altri tre medici ebrei.

Oggi il cimitero ebraico di via Weil è un luogo ricco di fascino nel cuore del centro storico di Padova... Cinto da antiche mura, si snoda in sentieri fiancheggiati da alberi secolari che conducono alle lapidi.

Siete curiosi di visitare questo affascinante cimitero? Chiedete alla nostra guida di includerlo nel vostro itinerario privato di Padova assieme ad altri celebri luoghi della città che desiderate visitare!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi