Aneddoti & Curiosità

Le colonne del ciborio dell’altare della Basilica di San Marco

Curiosità storiche
ciborio-san-marco-venezia

Le colonne del ciborio dell’altare della Basilica di San Marco

La basilica di San Marco a Venezia è una fonte inesauribile di tesori… Le quattro colonne in alabastro che sorreggono il ciborio sopra l’altar maggiore sono decisamente degne di nota!

Si tratta di quattro fusti monolitici di alabastro orientale - lavorati a coppie da un Maestro eccellente e da aiutanti di minor valore - suddivisi in nove comparti separati da strisce orizzontali, a loro volta articolati in nove archetti ospitanti una o più figure in altorilievo.

In totale si contano 324 nicchie, tra le quali ben 108 sono dedicate a scene, ad una o più figure, che riproducono la vita della Vergine, la vita e la passione di Gesù Cristo; ben rappresentati anche singoli episodi tratti dai Vangeli canonici e da quelli apocrifi, presenti in più cicli dettagliati, disposti in sequenza orizzontale nel senso della lettura o in verticale.

In passato, le colonne del ciborio furono considerate a volte come opere della tarda antichità, altre come opere dei secoli centrali del medioevo: per questo motivo le datazioni proposte oscillano tra il V-VI e l’XI -XIII secolo.

A favore dell’ipotesi di una datazione ‘alta’, vale a dire al VI secolo, sarebbe un dettaglio nell’episodio della Crocifissione, dove, sulla croce, in mezzo ai malfattori, non compare Cristo bensì il simbolo dell’agnello, diffuso in Oriente prima del concilio di Trullo (692) e poi sostituito dal corpo esanime. Sul piano dello stile, emergono evidenti caratteri tardo antichi, come i tratti fisionomici troppo marcati e le forme tozze; i profili mossi hanno invece una parvenza goticheggiante che potrebbe giustificare il dubbio ad un’esecuzione duecentesca… Il caso è quindi ancora aperto!

Di certo sappiamo che le colonne giunsero a Venezia nel 1204, a seguito del sacco di Costantinopoli durante la Quarta Crociata.

Per ammirare queste straordinarie colonne vi consigliamo di prenotare l’ingresso skip-the-line alla Basilica di San Marco: attivo nei mesi di alta affluenza – da aprile all’inizio di novembre – vi permetterà di risparmiare tempo prezioso, evitando la lunga fila generalmente presente alla porta principale.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi