Aneddoti & Curiosità

Le giostre nell’Arena di Verona

Curiosità storiche
arena-di-verona

Le giostre nell’Arena di Verona

L’Arena di Verona è indubbiamente il simbolo della città Veneta, nonché uno dei monumenti dell’antichità romana più famosi d’Italia.

I numerosi turisti che la visitano ogni anno, anche solo per assistere a concerti e opere liriche, non immaginano che nei secoli ha avuto i più svariati utilizzi…

L’uso che sicuramente colpisce di più è quello delle giostre: si tratta di giochi equestri e tornei fra cavalieri che dovevano affrontarsi fra loro con la lancia oppure far cadere un fantoccio, di solito vestito da turco, posto su una pedana girevole.

Nel 1590 si tenne la prima giostra documentata all'interno dell’Arena, mentre nel 1622 vi si svolse una grande Giostra della Quintana, il cui spettacolo fu descritto da alcuni cronisti dell’epoca in quanto vide la partecipazione di cavalieri veronesi e forestieri, alcuni dei quali in arrivo addirittura dalla Svezia.

L’ultima giostra che si tenne nell’Arena fu nel 1716 in onore del principe elettore di Baviera ed organizzata da Scipione Maffei, che si lamentava del fatto che i nobili veronesi non tenessero più giostre al suo interno. A partire da quell’anno, infatti, l’Arena di Verona venne usata per spettacoli di comici e ballerini, che costruivano i palchi all’interno dell’anfiteatro. Nel 1751, invece, vi fu ospitato un rinoceronte, la cui visione ammutolì tutti gli spettatori che non riuscivano a credere all'esistenza di un tale animale. Ma la forma più gradita di spettacolo era la caccia dei tori, in cui un toro (o in alcuni casi buoi) si misurava con dei cani addestrati da macellai. Nel settembre 1786 Goethe visitò Verona e si stupì che il popolare gioco del pallone non si tenesse al suo interno.

Se siete interessati a visitare l’Arena di Verona con un affascinante tour guidato vi consigliamo il nostro Tour guidato all’Arena di Verona con ingresso saltafila! Un’esperta guida di Verona vi accompagnerò alla scoperta di questo celebre anfiteatro tra storie, leggende e curiosità!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Padova: Jacopo Marcello, il Capitano da Mar che non doveva morire

ca-marcello
Presenze illustri

Ca’ Marcello a Piombino Dese (PD) è una stupenda villa veneta settecentesca… Ancora oggi, è abitata dai Conti Marcello, nobile fa...

Vedi

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

I post più letti

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi

Treviso: Castelbrando a Cison di Valmarino

castelbrando
Opere e luoghi poco noti

La provincia di Treviso offre ai suoi visitatori moltissimi luoghi pieni di storia e ricchi di fascino… Uno di questi è sicuramente ...

Vedi

Venezia: La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Tomba_Canova
Misteri & Leggende

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa ...

Vedi

Venezia: L'imperatrice Sissi a Venezia

Sissi
Presenze illustri

L'imperatrice Sissi (1837-18989), moglie dell'imperatore d' Austria Francesco Giuseppe d'Asburgo, è rimasta nell'immaginario collettiv...

Vedi