Aneddoti & Curiosità

Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

Misteri & Leggende
il_fornareto

Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due piccole luci rosse poste ai lati di due capitelli. Queste lampadine sono il ricordo perpetuo di una storia che, allora, fece tremare la fondamenta della giustizia della Repubblica Serenissima: in un grigio mattino di marzo del 1507, un giovane fornaio, ‘il fornareto’ Pietro Fasiol, scendendo le scale del Ponte degli Assassini, dove una volta passava un Rio, scorse a terra il fodero di un pugnale ricoperto da preziose pietre incastonate.

Felice di tanta fortuna, il giovane, pensando di tramutare tale bene prezioso in dote per sposare la sua donna amata, corse a mostrare la preziosa guaina alla fidanzata Annella, domestica in casa della nobile famiglia Barbo che sarà conosciuta poi, come famiglia Balbi. Ma la fidanzata, alla vista del fodero, si allarmò e spinse il giovane Pietro a rimetterlo lì dove lo aveva trovato.

Così il fornareto tornò sui suoi passi ma quando giunse sul luogo del ritrovamento con la luce de giorno che ormai rischiarava le calli, si accorse che a terra giaceva il corpo di un uomo: il patrizio Guoro. Allora l’ingenuo fornareto si avvicinò al corpo del patrizio per verificare se fosse ancora vivo ma purtroppo, proprio in quell’istante, fu visto prima da uno e poi da altri testimoni chinarsi sul cadavere con in mano ancora il fodero del pugnale conficcato nella schiena del nobile. Venne catturato e consegnato ai Signori della Notte e imprigionato nelle terribili prigioni di Palazzo Ducale. Qui, sottoposto a terribili torture, gli venne estorta la falsa confessione di omicidio e la condanna a morte fu inevitabile. Così, la mattina del 22 marzo 1507, il condannato fu portato e impiccato fra le due colonne sulle quali svettano il leone di San Marco e San Todaro che uccide un drago sulla parte di Piazza San Marco antistante la loggia dei bandi di Palazzo Ducale.

Subito dopo l’impiccagione tra la folla che aveva assistito all’esecuzione, si fece largo un testimone che rivelò il nome del vero assassino. Non il povero fornaio dunque, ma il ricco conte Lorenzo Barbo che si era vendicato del comportamento dissoluto del nobile Guoro che aveva tentato alla virtù di sua moglie e della sua serva, Annella nonché fidanzata dello sfortunato fornareto.

Fu così che, il Consiglio dei Dieci, che si vantava di aver sempre esercitato una giustizia equa e giusta, ordinò che alla fine di ogni processo, prima di ritirarsi in camera di consiglio, venisse pronunciata la frase ‘Ricordeve del povero Fornareto’ (Ricordatevi del povero fornaio), per non rischiare nuovamente di giungere ad ingiusta condanna. Ordinò pure che fossero accesi ogni notte due lumi sul loggiato del lato destro della Basilica di San Marco proprio di fronte a dove si trovava il patibolo, in perenne memoria dell’errore e della luce necessaria per sconfiggere le tenebre dell’ingiustizia.

Questa è una delle tante storie che la Basilica di San Marco cela tra le sue mura…siete curiosi di conoscerne altre? Allora non perdetevi i nostri tour guidati alla Basilica di San Marco! Sapranno aprivi le porte di un mondo misterioso…

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi