Aneddoti & Curiosità

Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

Opere e luoghi poco noti
isola_di_san_giorgio_maggiore

Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla storica Piazza San Marco e di notare lì, nel luminoso bacino di San Marco, le isole della Giudecca e di San Giorgio Maggiore.

L’isola di San Giorgio Maggiore è la più piccola delle due e dista poche decine di metri dall’Isola della Giudecca: è un luogo magico e silenzioso, lontano dagli itinerari turistici e, per questo, mantiene intatto il suo antico fascino, le cui radici vanno ricercate nel lontano X secolo, quando i monaci benedettini fondarono qui il primo convento con chiesa adiacente.

Non fatevi ingannare dalle piccole dimensioni dell’isola perché, in realtà, è un piccolo e prezioso scrigno ricco di storia, arte e cultura…ma una volta giunti all’isola di San Giorgio a Venezia, cosa vedere?

Vi consigliamo di iniziare la vostra visita dalla Basilica, realizzata interamente in stile rinascimentale su progetto del grande maestro Palladio verso la fine del XVI secolo. Da non perdere all’interno l’imponente altare maggiore, opera di Girolamo Campagna e le due grandiose opere di Tintoretto: L’‘Ultima Cena’ e la ‘Raccolta della Manna’. Di altissimo valore artistico è anche il dipinto ‘Vergine con Bambino e Santi’ di Sebastiano Ricci, considerato uno dei capolavori di San Giorgio Maggiore.

Se siete stati in cima al campanile di San Marco per ammirare il favoloso panorama di Venezia dall’alto, non potete rinunciare a salire anche sul campanile di questa incredibile isola. Dalla cella campanaria si può godere di una vista mozzafiato ed inusuale della città e della sua laguna in totale tranquillità. Il campanile odierno, alto 75 metri, risale al 1791 e fu costruito seguendo lo stile della torre di San Marco.

Merita sicuramente la visita all’ex convento benedettino, oggi sede della rinomata Fondazione Cini che ospita numerose mostre, eventi e concerti. Il posteriore dei due chiostri fu iniziato da Andrea Palladio e portato a termine da Baldassarre Longhena. Il complesso monumentale della Fondazione Cini è accessibile attraverso interessanti visite guidate disponibili tutti i giorni della settimana: potrete ammirare il chiostro e il cenacolo palladiani, lo Scalone e la Biblioteca del Longhena, il labirinto di Borges, il Bosco dei Cipressi e molti altri luoghi nascosti!

Come raggiungere questa isola ricca di storia, arte e spiritualità? Ovviamente in vaporetto! Acquistate il vostro biglietto per i trasporti pubblici veneziani online e godetevi il viaggio: linea 2 da Piazzale Roma, dalla Stazione Ferroviaria oppure da San Marco - fermata ‘San Zaccaria’.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi