Aneddoti & Curiosità

Le mura veneziane a Peschiera del Garda

Curiosità storiche
peschiera-del-garda

Le mura veneziane a Peschiera del Garda

Oggi Venezia è un semplice capoluogo di regione, ma un tempo era la capitale di un Impero che si estendeva nel Mediterraneo Orientale e in Italia. Come i Romani, anche i Veneziani erano soliti creare delle poderose fortificazioni appena conquistavano una piazzaforte… Ancora oggi questi possenti muraglioni sono una testimonianza della potenza veneziana.

Peschiera del Garda è uno dei luoghi dove poter ammirare una di queste fortificazioni, recentemente incluse dall’Unesco nella lista dei patrimoni dell’umanità.

Nel Quattrocento la piazzaforte di Peschiera passò sotto il controllo della Repubblica di Venezia, che decise di rinnovare le fortificazioni preesistenti affidando i lavori al celebre architetto Michele Sanmicheli. La nuova cinta fortificata ‘alla moderna’ seguiva l’andamento di quella medievale, quindi con cinque lati e cinque angoli protetti da bastioni. Lungo la cinta vennero inoltre aperte due porte, porta Verona e porta Brescia, poste in direzione delle strade che conducevano alle due importanti città.

Intorno alla metà del Cinquecento la Rocca Scaligera venne modificata e terrapienata per adattarla alle nuove armi da fuoco. Nel XVII secolo vi furono importanti interventi di restauro e poi, col trattato di Campoformio del 1797, la fortezza di Peschiera passò sotto il dominio dell’Impero austriaco, che provvide ad un suo ammodernamento, tanto che poi fu una delle quattro fortezze a formare il famoso Quadrilatero insieme a Legnago, Mantova e Verona. Passata infine in mano italiana a seguito della terza guerra d’indipendenza (1866), la piazzaforte perse di importanza strategica.

Se state pianificando una vacanza a Verona e Lago di Garda, non dimenticate di fare un salto anche a Peschiera!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi