Aneddoti & Curiosità

Le origini leggendarie di Treviso

Opere e luoghi poco noti
treviso

Le origini leggendarie di Treviso

E’ cosa risaputa che quanto più antico è un luogo tante più sono le leggende che raccontano la sua fondazione: è il caso della storica città di Treviso, una delle perle del nostro amato Veneto.

Si racconta che esistano ben tre leggende sulla nascita della città trevigiana.

Una di queste narra che Treviso sarebbe stata fondata dai Taurisci, antico popolo di origini celtico-orientale, che adoravano il dio Api, dio egizio con le sembianze di un toro. I Veneti che si trovavano sotto l’occupazione del popolo dei Giganti, chiesero aiuto al dio Api per riacquisire la libertà perduta. Così costui, insieme alla popolazione dei Taurisci, fronteggiò in una gloriosa battaglia i Giganti, sconfiggendoli. A memoria di questo straordinario evento, venne fondata così, Taurisium, la città del Sacro Toro.

La seconda ipotesi leggendaria narra che Treviso fu fondata da Osiride, discendente di Noè, che regnò nel territorio italico per dieci anni. Quando egli morì venne adorato sotto forma di un toro e fu così che la città prese il nome di Taurisium.

L’ultima storia invece riconduce l’origine di Treviso a Dardano, capostipite dei Troiani che fondò sul suolo veneto la città di Eugania. Per difenderla Dardano costruì quattro roccaforti, la più grande delle quali prese il nome di Tusino, comandata da Montorio, presunto capostipite della famiglia dei Collalto. Montorio mise all’ingresso della porta principale della città la statua di una fanciulla con tre teste. Ogni testa aveva tre visi e da qui si è ottenuto lo storpiamento da Tusino a Tre-visi.

Tre straordinarie storie per rendere leggendaria la nascita di Treviso: quale vi è piaciuta di più?

Se siete curiosi di addentrarvi nell’anima segreta della città di Treviso fatevi guidare da un’esperta guida locale! Il nostro tour ‘Your Own Treviso: Visita Guidata Personalizzata di Treviso’’ vi porterà a scoprire i luoghi che più vi interessano…l’itinerario lo potete scegliere voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi