Aneddoti & Curiosità

Le tre vere da pozzo della chiesa di San Trovaso

Curiosità storiche
vera-da-pozzo-san-trovaso

Le tre vere da pozzo della chiesa di San Trovaso

Nell'affascinante sestiere di Dorsoduro a Venezia, sorge l'antica chiesa dei Santi Gervasio e Protasio, chiamata in dialetto veneziano San Trovaso.

La zona attorno alla chiesa è decisamente interessante: troviamo infatti uno dei pochi squeri rimasti a Venezia, cioè gli antichi laboratori dove si costruiscono e si riparano le gondole e altre tipiche imbarcazioni lagunari (tutto rigorosamente artigianale), ma anche tre vere da pozzo, circostanza decisamente singolare.

 La vera più grande è quella cinquecentesca di forma cilindrica, posizionata di fronte alla facciata principale della chiesa (campo San Trovaso è uno dei pochi campi veneziani rialzati, perché originariamente si trattava di una cisterna per la raccolta dell'acqua piovana); la seconda, risalente al XV secolo e quindi in stile gotico, presenta lo stemma della famiglia che la fece costruire, i Giustinian; la terza vera da pozzo non è soltanto quella più antica (XIV secolo), ma è anche al centro di una terribile storia.

Il 14 giugno 1779, al suo interno, venne ritrovato il busto di un uomo… Qualche ora dopo le altri parti del corpo furono rinvenute in diversi luoghi della città. Gli autori dell'atroce delitto furono identificati e arrestati quasi subito: erano la moglie della vittima e il suo amante, un giovane udinese che lavorava in città. L'anno successivo vennero giustiziati in Piazza San Marco.

Venezia custodisce molti altri curiosi aneddoti… Fatti poco noti, misteri e leggende vi aspettano tra le calli meno conosciute, per regalarvi una visita unica ed altamente affascinante ! Scopri la Venezia meno turistica in compagnia delle nostre guide locali!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi