Aneddoti & Curiosità

La leggenda del Bòcolo per la festa di San Marco a Venezia

Tradizioni popolari
Bocolo

La leggenda del Bòcolo per la festa di San Marco a Venezia

Il giorno della festa del patrono di Venezia, l'evangelista Marco, i Veneziani seguono da secoli una tradizione: regalano alla moglie o alla fidanzata un bocciolo di rosa rossa (in dialetto veneziano bòcolo).

Le origini di questa usanza per la Festa di San Marco a Venezia sono antichissime, perché legate all'inizio della storia della città di Venezia.

Narra infatti la leggenda che, nella seconda metà del IX secolo, la figlia del Doge Orso I Partecipazio, Maria (detta Vulcana perché aveva i capelli di un rosso fiammeggiante), amava ricambiata un giovane di umili origini, un certo Tancredi. Il Doge di Venezia non avrebbe ovviamente approvato la loro unione, così la fanciulla consigliò all'amato di andare a combattere contro i musulmani per ottenere la gloria necessaria per aspirare alla sua mano. Il giovane si distinse valorosamente in guerra ma fu ferito mortalmente in un roseto.

Prima di morire però affidò all'amico Orlando un bocciolo tinto col il rosso del suo sangue perché lo consegnasse alla sua amata come estremo pegno d'amore. Il 25 aprile, il giorno dopo aver ricevuto da Orlando il messaggio d'amore dell'innamorato, Maria fu trovata morta nel suo letto con il bocciolo sul petto.

Vi piacerebbe scoprire altre affascinanti leggende veneziane magari avvolti dalle tenebre della sera? ‘Shadows of Venice: passeggiata notturna tra i misteri di Venezia’ è il tour che fa per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi