Aneddoti & Curiosità

L’iconostasi della Basilica di San Marco

Opere e luoghi poco noti
iconostasi-basilica-san-marco-1

L’iconostasi della Basilica di San Marco

Entrando in Basilica di San Marco a Venezia, la prima cosa che viene da fare spontaneamente è alzare lo sguardo verso i magnifici mosaici dorati che ne coprono interamente le volte e le cupole…ma abbassando la testa e guardando verso il presbiterio, notiamo una magnifica struttura marmorea in stile gotico, composta da otto colonne e quindici statue: questa tipologia di tramezzo, che separa la navata dal presbiterio, ha origini bizantine ed è conosciuta come ‘Iconostasi’, così chiamata perché fa da supporto a delle icone. Tuttavia, se osserviamo bene, qui non vi sono icone, come vorrebbe la tradizione, ma bensì statue. In questo caso quindi, sarebbe più appropriato chiamarla ‘transenna a colonne’.

La preziosa transenna a colonne della Basilica di San Marco è opera dei fratelli Pierpaolo e Jacobello dalle Masegne datata verso la fine del XIV secolo e andò a sostituire una precedente iconostasi duecentesca. L’attribuzione ai fratelli Dalle Masegne è indubbia poiché nella parte centrale si può leggere una iscrizione che reca la data e la firma degli autori.

Ma chi vogliono rappresentare le statue che caratterizzano l’attuale iconostasi?

Troviamo ai due lati della Croce di Cristo, la Vergine piangente, San Giovanni e i Dodici Apostoli.

Proviamo a riconoscerli assieme: partendo da sinistra incontriamo gli apostoli San Mattia, San Filippo, San Taddeo, Sant’Andrea, San Jacopo Maggiore, San Pietro, poi la Madonna con accanto il Cristo Crocifisso e San Giovanni, a seguire San Marco, San Matteo, San Bartolomeo, San Jacopo, San Simeone e San Tommaso.

Come facciamo a riconoscerli? Semplice! Ogni figura porta sulla base un’iscrizione che indica il nome in latino attribuitele. Nonostante questo, non è possibile identificare senza riserve ciascun soggetto poiché, sembra, che in passato siano avvenuti degli scambi di basi!

Siete curiosi di conoscere le piccole e le grandi ricchezze della Basilica di San Marco? Allora non potete perdere questa nuova e speciale opportunità: Con la ‘Basilica di San Marco: spiegazione introduttiva di 30 minuti e ingresso saltafila’ potrete non solo accedere alla chiesa evitando le lunghissime code quotidiane, ma di godere anche di una breve ma efficace introduzione storico-artistica della Basilica d’Oro fornita da un’esperta guida locale!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi