Aneddoti & Curiosità

L’isola del Maltempo a Dolo

Opere e luoghi poco noti
mulini-dolo

L’isola del Maltempo a Dolo

Lungo le rive del Brenta, il fiume che collega Padova a Venezia, vi sono diversi gioielli da scoprire… Uno di questi è l’isola del Maltempo a Dolo! Si tratta della più antica città chiusa dai due rami del Brenta: le frequenti inondazioni causate dalle piene del fiume diedero il nome alla zona.

All’interno dell’isola tutt’oggi possiamo ammirare lo squero e gli antichi molini.

Lo squero era l’antico cantiere, o scalo coperto, dove trovavano ricovero le imbarcazioni che transitavano lungo il Brenta, trainate controcorrente con l’ausilio di cavalli: è costituito da un tetto a capanna, con capriate, sorretto da dieci pilastri in mattoni.

Nelle immediate vicinanze dello squero trovavano posto le attività artigiane collegate ad esso collegate, come botteghe per la costruzione di remi, forcole, … La presenza della ‘Calle dei Calafati’ è un’ulteriore conferma della vocazione dell’isola. I calafati, infatti, erano operai addetti al calafataggio delle imbarcazioni, un’operazione che serviva a rendere impermeabile il fasciame o il rivestimento dei ponti delle barche, utilizzando stoffa catramata per riempire le commessure tra le tavole degli scafi di legno o cianfrinando le lamiere degli scafi metallici.

I molini, costruiti nel XVI secolo, comprendono in totale 12 ruote e furono la più importante risorsa economica della Repubblica di Venezia: inizialmente in uso alle famiglie nobiliari, successivamente passati nelle mani dello Stato, essi sono stati recentemente restaurati ad opera di privati cittadini e sono ad oggi adibiti a bar o ristoranti.

Se non riuscite a raggiungere Dolo, anche a Venezia si trovano alcuni antichi squeri… Il più famoso è sicuramente quello di San Trovaso, incluso nel nostro tour Visita Guidata alle Gallerie dell’Accademia e passeggiata Venezia insolita!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi