Aneddoti & Curiosità

L’isola di San Giorgio in Alga nella Laguna di Venezia

Opere e luoghi poco noti
san-giorgio-in-alga

L’isola di San Giorgio in Alga nella Laguna di Venezia

La laguna di Venezia è piena di piccole isolette, lontane dal centro abitato e spesso lasciate in stato di abbandono.

Durante l’epoca della Repubblica erano soprattutto sedi di monasteri, mentre nell’800 erano usate principalmente come caserme o depositi di munizioni.

Tra queste isolette ce n’è una che desta l’attenzione di tutti i cacciatori di tesori: San Giorgio in Alga.

Oggi l’isola ha un aspetto davvero desolato: la chiesa quattrocentesca (ricostruita dopo un incendio nel 1717) è ormai solo un ricordo e gli edifici rimanenti sono ridotti a pochi ruderi (venne bombardata anche durante la seconda guerra mondiale). Un tempo, però, ospitava una fiorente comunità di monaci benedettini, che vi si erano insediati già nell’XI secolo.

Narra la leggenda che un membro dell’ordine Cavalleresco dei Templari, in fuga dalle persecuzioni operate contro di loro dal re di Francia Filippo il Bello nel 1312, si sia fermato proprio a San Giorgio in Alga per nascondere il favoloso e leggendario tesoro dei Templari, ad oggi ancora mai ritrovato.

L’isola è famosa anche perché, nel XV secolo, ospitava una comunità di monaci agostiniani, tra i quali c’era Lorenzo Giustinian, divenuto poi patriarca di Venezia nel 1451 e proclamato Santo nel 1690.

Se dopo aver letto questo post vi fosse venuta voglia di scoprire altre misteriose e poco conosciute isolette della laguna veneziana, vi consigliamo la nostra Escursione privata in houseboat alle isole del mistero: l’itinerario non include anche San Giorgio in Alga, localizzata troppo lontano dal centro storico, ma vi permetterà di scoprire molti altri leggendari luoghi con un’originale gita in barca!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi