Aneddoti & Curiosità

L’oratorio di San Giorgio

Opere e luoghi poco noti
oratorio-san-giorgio-padova

L’oratorio di San Giorgio

Padova è famosa in tutto il mondo per la Cappella degli Scrovegni, affrescata con incredibile maestria dal grande pittore Giotto all’inizio del Trecento con scene dei Vangeli.

La città patavina, però, ospita anche un altro meraviglioso oratorio, meno conosciuto ma altrettanto meritevole di una visita: l’oratorio di San Giorgio.

Fatto costruire dal marchese di Soragna Raimondino Lupi nella seconda metà del Trecento, come cappella sepolcrale per la sua famiglia, è stato completato dopo la sua morte dal nipote Bonifacio Lupi nel 1384.

L’edificio somiglia molto alla più famosa Cappella degli Scrovegni… La facciata, a capanna con mattoni a vista, è decorata da tre bassorilievi con San Giorgio che uccide il drago e lo stemma del lupo rampante della famiglia Lupi di Soragna; l’interno prevede una struttura ad un’unica aula con volta a botte. Il soffitto è dipinto con un cielo stellato attraversato da fasce con motivi floreali, dove sono inseriti busti di santi e cinque tondi per fascia con i simboli degli Evangelisti, dei Profeti e dei Dottori della Chiesa. Le due pareti di lato sono divise in due fasce sovrapposte: a sinistra sono raffigurate scene della Vita di San Giorgio, a destra scene della Vita e martirio di Santa Caterina d’Alessandria (in alto) e di Santa Lucia (in basso). La controfacciata presenta scene dell’Infanzia di Cristo; la parete di fondo è dominata da una grande Crocefissione, sovrastata da un’Incoronazione di Maria tra cori angelici.

Questo ciclo pittorico si pone come importante ponte tra la grande tradizione trecentesca e i successivi sviluppi rinascimentali: in questi affreschi infatti convivono la potenza espressiva di Giotto e l’atmosfera cortese del Gotico internazionale, mentre i volti e i caratteri sono impregnati di un forte realismo.

Su richiesta, la visita all’Oratorio di San Giorgio può essere inserita nell’itinerario del nostro PADOVA URBS PICTA: visita guidata ai luoghi candidati a Patrimonio Mondiale dell’Unesco, tour privato della città patavina interamente personalizzabile in base alle vostre esigenze.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: The Twin Bottles: l’arte dice NO alla plastica in mare

the_twin_bottles
Lo sapevate che...

Lo sapevate che nel Canal Grande di Venezia, nei pressi di Palazzo Ca' Vendramin Calergi ci sono due immense bottiglie accartocciate ch...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Il Vetro a Venezia: un’Arte ineguagliabile

vetro2
Curiosità storiche

Eccoci tornati all’incredibile storia del vetro. L’ultima volta ci eravamo lasciati con un importante quesito: come arrivò il vetr...

Vedi

Campagna Lupia: Il Casone di Valle Zappa: l’Olanda in laguna

casone_valle_zappa
Opere e luoghi poco noti

Se vi capita di passare per Campagna Lupia, fate una piccola deviazione perché qui si nasconde un piccolo gioiello, un pezzetto di Ola...

Vedi

I post più letti

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi