Aneddoti & Curiosità

Museo Internazionale della Maschera Amleto e Donato Sartori ad Abano Terme

Opere e luoghi poco noti
museo_della_maschera_abano

Museo Internazionale della Maschera Amleto e Donato Sartori ad Abano Terme

Quando si parla di Abano, tutti pensano subito alle acque termali, le cui proprietà curative erano conosciute sin dall’epoca romana...

Abano, però, è anche la sede di un museo molto particolare: il Museo Internazionale della Maschera Amleto e Donato Sartori.

In questo museo è esposta parte della preziosa collezione di maschere teatrali opera degli scultori Amleto (1915-1962) e Donato Sartori - una vasta produzione artistica creata in più di ottant’anni di attività - oltre ad una straordinaria quantità di maschere, reperti originali geo- etno-antropologici ed opere provenienti dalle più sintomatiche aree culturali del pianeta raccolte in anni di viaggi e scambi culturali.

L’intento del Museo è valorizzare, custodire e far conoscere il patrimonio della maschera, sottolinearne la valenza transculturale, le potenzialità come veicolo di conoscenza e di confronto tra culture differenti nello spazio e nel tempo.

Il museo ha sede in villa Savioli, costruita nella prima metà del XVII secolo ma terminata solo nel XVIII secolo. Il complesso architettonico è formato dalla villa vera e propria, posizionata nell’asse plastico originale, da un piccolo giardino all’italiana, dall’ex-barchessa, dall’oratorio, compreso tra due edifici che lo spalleggiano, dal cortile e dal vasto brolo.

Se state pianificando un breve soggiorno a Padova, non dimenticate di inserire nel vostro programma di viaggio una giornata ad Abano Terme: dopo qualche ora di relax in spa e piscine termali, potrete visitare questo originale museo e scoprire i tesori custoditi al suo interno!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi