Aneddoti & Curiosità

L'Otello di Orson Welles e la scala del Bovolo a Venezia

Location cinematografiche
Otello

L'Otello di Orson Welles e la scala del Bovolo a Venezia

Fin dagli esordi della settima arte, Venezia è stata scelta da molti registi come scenografia per film, alcuni entrati anche nella storia del cinema.

Nel 1949 il grande regista inglese Orson Welles cominciò le riprese di un celebre classico della letteratura: Otello di William Shakespeare, il cui primo atto è appunto ambientato a Venezia.

Il film ebbe tantissimi problemi di produzione: mancanza cronica di fondi ma, soprattutto, il pessimo carattere del regista che spinse addirittura cinque attrici protagoniste nel ruolo di Desdemona (l'infelice moglie uccisa da Otello, folle di gelosia) ad abbondonare il set.

A causa dei continui ritardi, molte scene, che sarebbero dovute essere girate in Marocco, finirono per essere realizzate a Venezia e il film vide la luce solo nel 1952.

Shakespeare aveva ambientato l'atto finale della tragedia nell'isola di Cipro (all'epoca colonia veneziana) e invece nel film vediamo il loggiato di Palazzo Ducale, ma soprattutto la famosa scala elicoidale di Palazzo Contarini a San Luca, chiamato Contarini del Bovolo (in veneziano ‘chiocciola').

Questa incredibile struttura, datata 1499, è stata recentemente riaperta al pubblico e vi si può salire; la vista vale assolutamente il costo del biglietto e magari, chiudendo gli occhi, possiamo immaginare di sentire gli odori dei cedri di Cipro mentre si consuma la tragedia della gelosia di Otello, che Shakespeare giustamente chiama nel dramma ‘mostro dagli occhi verdi'.

Venezia è una vera e propria location cinematografica a cielo aperto… Oltre all'Otello di Orson Wells vi sono stati girati molti altri film o immortali scene rimaste nella storia del cinema. Grazie al nostro Cinetour a Venezia potrete conoscere ed ammirare alcune di queste celebri location nel corso di un'affascinante passeggiata con un'esperta guida locale.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi