Aneddoti & Curiosità

Il palazzo sul Canal Grande del Conte di Carmagnola decapitato per tradimento

Opere e luoghi poco noti
Conte_di_Carmagnola

Il palazzo sul Canal Grande del Conte di Carmagnola decapitato per tradimento

Accanto alla fermata di San Stae sul Canal Grande a Venezia c'è un giardino dall'aspetto tetro e abbandonato. Lì un tempo sorgeva un palazzo che nel 1415 la Signoria di Venezia donò a Francesco Bussone conte di Carmagnola, il condottiero capo delle milizie della Serenissima.  Il favore nei suoi confronti non durò tuttavia molto e anzi la Signoria di Venezia ordinò che fosse decapitato in Piazza San Marco dopo un mese di prigione con l'accusa di tradimento. Il fatto risaliva alla vittoriosa battaglia di Maclodio, quando il Carmagnola liberò inspiegabilmente molti prigionieri milanesi essendo ancora legato al Duca di Milano che aveva servito prima di passare al servizio della Serenissima.

Nel 1820 Alessandro Manzoni scrisse su questo sfortunato personaggio una famosa tragedia, in cui descriveva il Carmagnola come una vittima innocente dell'invidia altrui. Da recenti studi storici sembra invece che il Conte abbia effettivamente tradito la Repubblica di Venezia per il denaro dei milanesi.

Il suo palazzo passò in varie mani e fu più volte rimaneggiato finché nell'800, quando era di proprietà della prestigiosa famiglia dei Contarini, fu del tutto distrutto da un incendio…. La maledizione del Conte di Carmagnola aveva colpito ancora! Ormai non rimane che il giardino, uno dei pochi superstiti sul Canal Grande.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi