Aneddoti & Curiosità

Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

Lo sapevate che...
colline-del-prosecco

Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha decretato il World Heritage Commettee durante la sua 43° sessione tenuta a Baku in Azerbaijan, che ha riconosciuto l’importanza del meraviglioso territorio di Conegliano e Valdobbiadene premiato per le sue uniche e meravigliose caratteristiche naturalistiche, culturali, paesaggistiche e ovviamente vinicole. Si sa, il Prosecco qui prodotto, è apprezzato in tutto il mondo tanto da essere, oggi, uno dei vini maggiormente esportati all’estero e purtroppo anche imitato e storpiato: i ‘vini’ ‘Kressecco’ e ‘Semisecco’ sono solo degli esempi.

Ma lo sapevate che il Prosecco era già amato e apprezzato dagli Antichi Romani?

Proprio così, il vino Prosecco ha origini che risalgono addirittura all’epoca dell’Antica Roma. Veniva prodotto con l’uva Glera, coltivata nella zona dove si trovava il Castello di Moncolano, conosciuto anche con il nome di Torre di Prosecco, a picco sulle acque del Golfo di Trieste. Dalla spremitura di questi dorati acini, ne usciva il vino Puccino (dal latino Puxinum), uno dei vini d’Italia più apprezzati dai romani e per il suo sapore fruttato e fresco, ricercato dai grandi signori ed esportato in tutto il territorio. Perciò ad un certo punto, gli abitanti di Trieste sentirono la necessità di dover distinguere il proprio vino locale pregiato da quello prodotto nelle aree circostanti, come a Gorizia e in Istria. Decisero quindi, di dare a questa preziosa bevanda un nome che riconducesse a quel determinato luogo. La scelta ricadde proprio sul nome ‘Prosecco’, denominazione dovuta al fatto che proprio nella zona dell’omonima Torre è da sempre stato coltivato il vitigno Glera.

Più tardi, tra il Settecento e l’Ottocento la coltivazione del vitigno Prosecco si espanse in tutta la fascia collinare veneto-friuliana diventando a metà 900, l’unico ed incontrastato padrone della zona Valdobbiadene-Conegliano.

A proposito, che ne dite ora di un bel bicchiere di Prosecco per festeggiare? La cosa migliore sarebbe sorseggiarlo ammirando le dolci colline dove questo delizioso vino viene prodotto…venite con noi a scoprire questo magico territorio con tours creati ad hoc! Vi aspettiamo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi