Aneddoti & Curiosità

Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

Curiosità storiche
pietra-del-vituperio

Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un modo dire che sta ad indicare chi ha perso tutti i propri averi, di una persona quindi, che è andata in rovina.

L’origine di questa espressione è da ricondursi ad una pratica padovana di epoca medievale che veniva inflitta a chi non era in grado di pagare i propri debiti: nel XIII secolo a Padova il debitore insolvente veniva condannato senza appello al carcere perpetuo oppure al tratto di corda. Ma nel 1231 Sant’Antonio, protettore della città patavina, tre mesi prima di morire, si presentò davanti al Consiglio Maggiore, chiedendo che le pene dei debitori, così dure, fossero sostituite da espiazioni pubbliche.

Il podestà accettò di buon grado la richiesta del ‘venerando frate Antonio’ e nel 1260 venne ufficializzata il luogo della berlina, ossia la ‘pietra del vituperio’: qui gli insolventi dovevano sedersi vestiti soltanto con camicia e mutande (da qui l’espressione ‘rimanere in mutande’!) ed erano costretti a battere tre volte le natiche sulla dura superficie ripetendo a voce alta, davanti ad almeno cento persone, la frase ‘cedo bonis!’ cioè ‘rinuncio ai beni!’ per poi venire espulsi dalla città. Se l’espulso tornava a Padova senza il consenso dei creditori, avrebbe dovuto sottostare nuovamente al pubblico ludibrio e in più gli sarebbero stati gettati addosso tre secchi d’acqua.

In origine la ‘pietra del vituperio’ era posta all’angolo del Palazzo delle Debite, che ospitava il carcere, ma dopo l’intercessione di Sant’Antonio venne spostata al centro della sala del Consiglio Maggiore del Palazzo della Ragione venendo utilizzata anche come basamento per i banditori che davano lettura ufficiale degli editti pubblici.Oggi, per ammirare la pietra del vituperio, vi basterà varcare l’ingresso del Palazzo della Ragione e girare il vostro sguardo verso destra…

Vi piacerebbe scoprire altre peculiarità storiche e artistiche della meravigliosa città di Padova Prenota una visita guidata con una delle nostre esperte guide locali! Sarete voi a scegliere il giorno, l’orario e il punto di partenza e soprattutto i luoghi che vi interessano di più!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi