Aneddoti & Curiosità

Il Pio loco delle Penitenti nel Canale di Cannaregio a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Pio-loco

Il Pio loco delle Penitenti nel Canale di Cannaregio a Venezia

Nel Canale di Cannaregio a Venezia, di fronte all'ex Macello comunale (oggi università Ca' Foscari), vi è una chiesa fiancheggiata da due edifici: il pio loco delle Penitenti.

Venne qui istituito nel 1705 un ricovero per accogliere le peccatrici penitenti, in pratica un ostello per ricoverare le prostitute che si fossero ravvedute e altre donne che avessero dato pubblico scandalo e avessero ora bisogno di essere aiutate impiegandole in un lavoro onesto. Molti nobili fecero dei lasciti in favore della pia istituzione, ma fu grazie a quello della nobildonna Marina Priuli da Lezze, che si procedette a realizzare l'attuale costruzione, sotto la direzione dell'architetto Giorgio Massari.

Di norma le Penitenti dovevano avere non meno di 12 anni e non più di 30; essere veneziane o dimorare a Venezia da almeno 1 anno; essere sane di mente e di corpo, non gestanti e ritiratesi da almeno 3 mesi dalla vita peccaminosa.

Alla caduta della Repubblica, in conseguenza agli editti napoleonici del 1807, presso il pio loco de le Penitenti vennero concentrate anche le ospiti dell'Ospissio del Socorso, dopo che questa, a causa degli stessi editti, era stata soppressa e chiusa.

L'antica missione del pio loco venne lentamente meno col venir meno delle sue ospiti, così che dopo il 1945 iniziarono ad esservi accolte donne profughe provenienti soprattutto dall'Istria e dalle ex colonie in Africa.

Attualmente tutto il grande complesso è in fase di restauro per crearvi un centro di ricovero per i malati di Alzheimer.

Francesca, autrice della nostra rubrica ed entusiasta guida di Venezia, sarà felice di accompagnarvi alla scoperta degli edifici più curiosi ed insoliti di Venezia…. Richiedi subito la sua disponibilità!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi