Aneddoti & Curiosità

Il Pio loco delle Penitenti nel Canale di Cannaregio a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Pio-loco

Il Pio loco delle Penitenti nel Canale di Cannaregio a Venezia

Nel Canale di Cannaregio a Venezia, di fronte all'ex Macello comunale (oggi università Ca' Foscari), vi è una chiesa fiancheggiata da due edifici: il pio loco delle Penitenti.

Venne qui istituito nel 1705 un ricovero per accogliere le peccatrici penitenti, in pratica un ostello per ricoverare le prostitute che si fossero ravvedute e altre donne che avessero dato pubblico scandalo e avessero ora bisogno di essere aiutate impiegandole in un lavoro onesto. Molti nobili fecero dei lasciti in favore della pia istituzione, ma fu grazie a quello della nobildonna Marina Priuli da Lezze, che si procedette a realizzare l'attuale costruzione, sotto la direzione dell'architetto Giorgio Massari.

Di norma le Penitenti dovevano avere non meno di 12 anni e non più di 30; essere veneziane o dimorare a Venezia da almeno 1 anno; essere sane di mente e di corpo, non gestanti e ritiratesi da almeno 3 mesi dalla vita peccaminosa.

Alla caduta della Repubblica, in conseguenza agli editti napoleonici del 1807, presso il pio loco de le Penitenti vennero concentrate anche le ospiti dell'Ospissio del Socorso, dopo che questa, a causa degli stessi editti, era stata soppressa e chiusa.

L'antica missione del pio loco venne lentamente meno col venir meno delle sue ospiti, così che dopo il 1945 iniziarono ad esservi accolte donne profughe provenienti soprattutto dall'Istria e dalle ex colonie in Africa.

Attualmente tutto il grande complesso è in fase di restauro per crearvi un centro di ricovero per i malati di Alzheimer.

Francesca, autrice della nostra rubrica ed entusiasta guida di Venezia, sarà felice di accompagnarvi alla scoperta degli edifici più curiosi ed insoliti di Venezia…. Richiedi subito la sua disponibilità!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi