Aneddoti & Curiosità

La porta del Convento dei Tolentini a Venezia disegnata da Carlo Scarpa

Presenze illustri
iuav-tolentini

La porta del Convento dei Tolentini a Venezia disegnata da Carlo Scarpa

Nei pressi di Piazzale Roma si trova l'imponente chiesa dei Tolentini, costruita da Vincenzo Scamozzi nel corso del XVI secolo e terminata con l'elegante facciata a tempio greco da Andrea Tirali all'inizio del ‘700.

L'attiguo convento fu soppresso per decreto napoleonico e divenne, come spesso accadeva in quel periodo, una caserma. Dopo essere stato adibito a luogo di ricovero per gli sfollati dell'alluvione del Polesine del 1951, nel 1960 il Demanio la assegnò all'Istituto universitario di architettura (IUAV).

I lavori di restauro all'interno del complesso si svolsero tra il 1960 e il 1965 sotto la direzione degli architetti Daniele Calabi e Guido Bacci, che mantennero molti dei componenti architettonici della struttura originale: il chiostro con portico colonnato, un primo piano con celle su tre lati e un raro esempio di passerella del XVI secolo, forse progettata da Scamozzi, al secondo piano.

Nel 1985 l'ingresso fu trasformato secondo il progetto di Carlo Scarpa. L'antico portale ad arco fu smontato, appoggiato in posizione orizzontale all'entrata ed usato come vasca; al suo posto, Scarpa creò una struttura del tutto avveniristica, con una concezione del tutto nuova: quando passate davanti alla porta, nel campo dei Tolentini, potete notare come l'architrave sulla destra non abbia nessun punto d'appoggio…

In caso non lo sapeste, Carlo Scarpa ha effettuato diversi interventi a Venezia, che spesso hanno cambiato il volto di alcuni celebri luoghi della città… I consueti itinerari turistici si concentrano quasi esclusivamente sui luoghi più famosi della città, spesso tralasciando alcune ‘chicche' che indubbiamente meritano una visita! Grazie ai nostri tour privati di Venezia, tenuti da guide turistiche locali e completamente personalizzabili in base alle vostre richieste, potrete scoprire la città da una diversa prospettiva!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi